venerdì 12 marzo 2010

Ritorno alla follia

****************************************************
Questa e' una "storia ricordo" accaduta molti anni fa...
****************************************************

Eccomi qua, di nuovo in posto di comando, pronto ad affrontare un fantastico anno dentro questa allegra e simpatica azienda (e per chi non l'avesse capito sono "leggermente" sarcastico).
Poteva l'anno nuovo iniziare bene come Odino comanda per una volta?
Chi ha risposto di no vince una bambolina voodoo.

Sveglia: Ehi maledetto, apri gli occhi e muoviti che e' ora di lavorare.

Apro gli occhi e, oltre alla mia dolce meta', vedo alberi che si piegano come bastoncini e pioggia incessante all'esterno.

Io: Devo proprio?
Sveglia: Muovi il culo.

Mi alzo, mangio, mi do una parvenza di umanita' e monto in macchina quando mi viene in mente il piccolo dettaglio che devo portare in ufficio uno scanner A3 leggero quanto un elefante stitico che attualmente risiede nel salotto di casa mia.
Rientro in casa, afferro la bestia ed esco.
Rientro una seconda volta in casa perche' ho dimenticato le chiavi della macchina.
Compio l'immensa distanza di un chilometro per arrivare a lavoro ed esco sotto l'acqua cercando di proteggere l'elef... lo scanner dalla pioggia.
Ora, immaginatevi un essere (io) che respira a fatica e bestemmia sotto il peso di quella "cosa", che chiamarla semplicemente scanner e' fargli un complimento, con due mazzi di chiavi in mano inzuppato d'acqua fermo in mezzo all'ingresso dell'azienda che cerca disperatamente qualcuno a cui chiedere aiuto.

utOnto: Non funziona piu' il telefono! Internet non va! La rete e' morta!

Ok, utOnto non vuole aiutarmi, quindi, sempre respirando e bestemmiando, salgo al piano superiore e poso la bestia sulla scrivania dove riposera' per il resto della sua (breve) vita.

utOnto: Non funziona piu' il telefono! Internet non va! La rete e' morta!
Io: Si, ho capito, se mi fai togliere il giubbotto ci guardo.
utOnto: Non funzion...
Io: See vabbeh.

Mi sistemo in postazione, apro qualche console e inizio il lavoro.
Click... clickete... ping [firewall]... 100% packet loss.
Controllo qualche log e non trovo nulla. Procedo quindi a una bella riavviata di firewall e switch.
Click... clickete... ping [firewall]... 100% packet loss

Io: [serie di frasi poco carine].

Controllo, guardo, apro, smonto, rimonto, riapro, riguardo.
Niente, firewall, switch e router sembrano andare in maniera divina e senza il minimo problema ma i pc della rete non ne vogliono sapere di arrivare al firewall.
Vado sul firewall e scopro (con un certo odio) che riesco a pingare tutti i pc della lan. Oibo', che si sia sistemato tutto da solo?
Seeeee.
Click... clickete... ping [firewall]... 100% packet loss

Io: [altra serie di parole ancor meno carine delle precedenti].

Poi, quasi di culo, il mio occhio cade sui telefoni voip e mi ricordo (si, il capodanno ha avuto qualche effetto collaterale, e allora?) che la lan passa da quei cosi.
Stacco i telefoni, attacco i pc direttamente al muro e, magia!, tutto funziona alla grande.
Reboot veloce del centralino voip e tutto va alla perfezione.
Fortuna che ho risolto in 30 minuti circa (ovvero prima del solito delirio mattutino) che altrimenti c'era da impazzire ma mi sono rimasti alcuni dubbi, fra cui:
  1. Perche' potevo pingare dal firewall la lan e non l'opposto? (e non mi parlate, per cortesia, di regole di IpTables che le ho fatte io e so cosa posso e non posso fare);
  2. Perche' cavolo dei telefoni voip dovrebbero incasinare la rete in sto modo?
  3. Ma soprattutto: Perche' diavolo non ho attaccato i pc alla rete EVITANDO di passare dai suddetti telefoni?

4 commenti:

  1. johnnymnemonic12 marzo 2010 20:24

    Coi telefoni VOIP ogni tanto purtroppo ho a che fare pure io, se sono quelle chiaviche a marca Thomson rassegnati, son più le volte che creano problemi che quelle che funzionano...

    RispondiElimina
  2. Ma guarda, erano proprio i Thomson. :)
    Vedo che sono in buona compagnia allora... ;)

    RispondiElimina
  3. johnnymnemonic14 marzo 2010 10:13

    Giovedì scorso tre ore per cambiarne uno... e mi avevano detto che erano gli interventi più facili da fare...

    RispondiElimina
  4. In azienda, tempo fa, ho perso una mezza mattinata per cercare di risolvere un problema di "volume basso" sulle chiamate in entrata per poi scoprire che era un difetto del Thomson che stavo usando. :)

    RispondiElimina