mercoledì 19 gennaio 2011

Furbizia

Storie di vita vissuta... purtroppo.


11 commenti:

  1. Beh... anche troppo realistica... a me hanno chiesto come usare il pc senza accenderlo...

    RispondiElimina
  2. @Carlo: Sei in buona compagnia. A me hanno chiesto piu' volte se, quando lanciavo una sessione remota, potevano spegnere i PC (e non si riferivano ai monitor). :)

    RispondiElimina
  3. Ma allora è così dappertutto... mamma mia O_O

    RispondiElimina
  4. @Mox: Temo proprio di si e la cosa brutta e' che sembra un'epidemia che pian piano si sta diffondendo. La gente sembra veramente lasciare il cervello sul comodino prima di andare in ufficio...

    RispondiElimina
  5. Così è facile... Io ho la versione PRO

    fabbrica: grossa. Elettricista a quattro metri d'altezza sulla blindosbarra.
    Afferra una scatola di derivazione e la sbatte sull'attacco per agganciarla. Senza aver staccato la 380 dal quadro centrale.

    Lampo accecante.

    Momento da film: tutto lo stabilimento buio, rumore dei macchinari vuommvuoomvum che si arrestano tutti assieme.

    Gente con gli occhi fissi all'officina, momento ralenty, tipo quando l'astronave aliena è colpita dall'arma finale e lentamente precipita mentre la telecamera inquadra i nostri eroi uno ad uno, immobili e con la mascella squadrata che guardano l'esplosione.

    In questo momento cinema, nel silenzio assoluto, squilla un telefonino: "Senti, mi chiami Tizio che il computer non va? Ho provato ma sul telefono interno non risponde".

    RispondiElimina
  6. @Locomotiva: HAHAHAHAHHAHAHHAHHAHAHHAAH capisco perche' l'hai chiamata "versione PRO". :D
    Per curiosita', l'elettricista si e' salvato dalla 380 o e' diventato parte dell'arredo del locale? :)

    RispondiElimina
  7. Ma perchè ai pc serve davvero la corrente per funzionare???Oibò..... :)
    E comunque si è così ovunque: la settimana scorsa ho consegnato un ups ad un cliente. Alla mia domanda lo attacca lei o ci penso io, la domanda è stata, ovviamente, sono capace di attacare 2 cavi, anche un po' scocciato.
    Peccato che il giorno dopo mi ha richiamato chiedendomi come mai il suo ups si lamentava e andava sempre in batteria appena accesso, di seguito la trascrizione della chiamata:

    $cliente: Non capisco come mai questi xxxxxx di cosi non vanno mai, non è possibile devo lavorare IO!!!.
    $IO: Strano di solito sono affidabili, ovviamente tutti i cavi sono stati collegati correttamente? 2 devono andare al pc e al monitor e uno dopo aver tolto l'etichetta gialla (ndr talmente gialla e rossa da rischiare l'epilessia se la si guarda troppo) alla corrente.
    $cliente: Ehm ... uhhh...3 cavi eh?
    Tempo 5 secondi e si sente la linea che cade...secondo voi quale cavo non aveva attaccato? :)

    Saluti
    Gabriele

    RispondiElimina
  8. Il nostro eroe non è neanche cascato giù dalla scala, nonostante il botto.
    Poi è stato il suo capo a cercare di ucciderlo appena è sceso, ma è un'altra storia...

    @Gabriele: "se metti la spina, funziona meglio".

    RispondiElimina
  9. @Gabriele: Guarda, mi stupisco che non abbia collegato il cavo dell'alimentazione ma non quelli del PC e del monitor lamentandosi poi "che non funzionava nulla". :)

    @Locomotiva: Gia', immagino la gioia dipinta sul volto del suo capo dopo aver visto nuclearizzare un'intera fabbrica. :D

    RispondiElimina
  10. Hahaha, tipico... pensa che una volta ho dovuto aprire un ticket d'emergenza al gestore telefonico perchè una filiale era isolata, alla fine però si è scoperto che il problema era di natura elettrica in quanto la notte prima avevano subito una rapina con scasso.

    Ma dirlo prima no?

    Un'altra volta invece ci ho messo 5 minuti a far capire ad un utonto che senza la corrente è normale che il plotter non si accenda... ci ho pure scritto un post. Per chi fosse interessato eccolo:

    http://utentidioti.blogspot.com/2009/06/il-plotter-guasto.html

    RispondiElimina
  11. @Nick: Piu' leggo storie come quelle che mi accadono ogni giorno piu' penso che l'umanita' stia lentamente (ma poi neanche tanto) scivolando verso un punto di non ritorno. Il problema non sta nelle competenze (io non saprei dove mettere le mani se dovessi riparare un frigorifero, ad esempio) ma nel modo di affrontarle. In Italia, in particolare, ci siamo scordati completamente il significato di "rispetto". Ogni cosa e' dovuta, ogni cosa deve essere fatta prima, chiunque si crede Dio in terra convinto di poter sbraitare ordini a colleghi e conoscenti.
    Mah...

    RispondiElimina