venerdì 11 febbraio 2011

Difficili scelte

Oggi c'e' casino in ufficio o, meglio, nella casa del Boss che confina con l'ufficio. La ragione non la conosco ma sembra che l'abitazione sia popolata da parenti di ogni tipo.
La cosa non ci crea particolari problemi, semplicemente ignoriamo il vociare al di la' del muro.
Va tutto bene finche' un tizio, sul pianerottolo che confina con l'ufficio e con l'uscita, grida qualcosa dentro casa.

utOnto: OHHHH! ESCO ADESSO MA FRA POCO APRITEMI CAPITO?

Non sento risposte per cui presumo che gli abbiano dato l'ok (anche se non capisco che problema c'era. Ci sono degli strani aggeggi chiamati "campanelli" creati appositamente per segnalare la presenza di qualcuno al di fuori delle mura domestiche).
Il tizio, dopo poco, rientra e, visto che trova (orrore!) il cancello chiuso, suona il campanello. Scende utOnta.

utOnto: Mi apri il cancello?
utOnta: Aspetta.

utOnta preme il pulsante per aprire la porta di ingresso.

utOnto: No, non hai aperto.
utOnta: Riprovo, aspetta.

utOnta preme lo STESSO pulsante.

utOnta: Adesso?
utOnto: (sbattendo il cancello) No, sempre chiuso. Mi volete aprire?
utOnta: Eh, un attimo!

utOnta a questo punto preme ogni parte della placca che riveste i pulsanti di apertura, preme e tira la maniglia della porta di casa (come se servisse a qualcosa), si guarda intorno poi decide di arrendersi.

utOnta: (gridando dentro casa) OH, COME SI APRE IL CANCELLO?

Io, mosso a compassione (da leggere come "mi ero rotto i [parte dell'organo genitale maschile]"), mi alzo, premo il pulsante di apertura e torno a sedere.

utOnto: (rivolto a utOnta) Era ora!

La cosa potrebbe sembrare complessa e potrebbe risultare poco chiara per cui spiego una cosa. Nella pulsantiera ci sono DUE (2) pulsanti: il primo apre la porta di ingresso, il secondo il cancello. Se vi state chiedendo come ha fatto utOnta a non trovare il pulsante... beh, non siete i soli che se lo stanno domandando. :)

10 commenti:

  1. Chissà, magari pensava che l'altro pulsante accendesse l'"ordigno dell'apocalisse"

    http://en.wikipedia.org/wiki/Doomsday_device

    E allora piuttosto che premere quello ha spinto qualunque cosa avesse una parvenza di escrescenza (e qui vai di doppi sensi..)

    RispondiElimina
  2. @Mox: Ahahhahahahahahhahahah, vero, non ci avevo pensato. :D

    RispondiElimina
  3. @Bitmover
    ben due pulsanti sulla pulsanteria...sono cose che confondono ragassi, non scherziamo per favore sulle di lei turbe :)

    RispondiElimina
  4. @Gabriele: Che questo soggetto sia profondamente turbato non lo metto in dubbio. La cosa che mi fa inorridire e' che l'utOnta in questione, piuttosto che premere il secondo pulsante, si e' messa a pigiare la plastica intorno. O_o
    Strano mondo...

    RispondiElimina
  5. @Bitmover
    Certo che anche tu hai un bel parco utonti dalle tue parti... ma ogni tanto il prete passa a benedire queste pecorelle smarrite? Chissà magari vedrebbero la luc..ehm il lumino...

    RispondiElimina
  6. @Gabriele
    Più che la benedizione del prete, credo che ci vorrebbe un esorcismo..

    RispondiElimina
  7. Sembra mia moglie con le voci del menu: le guarda, le legge anche, ma non le vede! Io continuo a chiedermi come faccia... Quando fa così, la fisso negli occhi... e vedo l'abisso che fissa me!

    RispondiElimina
  8. @Gabriele: Mi sa che con le cattiverie (leggasi "bestemmie") che penso, se venisse il prete a benedire, sarei il primo ad andare a fuoco. :D

    @Nik: Si, l'esorcismo non sarebbe una cattiva idea. :D

    @lukasbrunner: AHHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAH

    RispondiElimina
  9. Adesso capisco perché hanno successo i telefoni senza tastiera :-D

    RispondiElimina