venerdì 1 aprile 2011

Tutti a sQuola

Oggi, dopo una settimana di silenzio, si e' fatta risentire una scuola di [paesino poco lontano]. Il motivo della chiamata e' che non riescono a navigare su Internet. Non potendo andare la' di persona e non sapendo di che hardware dispongono avevo chiesto se c'era qualcuno per fare delle prove via telefono. Una settimana dopo questo qualcuno mi ha contattato e non e' la bidella. Non e' nemmeno un insegnante qualunque. E' l'insegnante di informatica (cioe' colei che riempie le giovani menti di nozioni e concetti basilari che li aiuteranno nel loro futuro) nonche' responsabile informatico di tutta la struttura.
Dopo un veloce riepilogo di quello che dobbiamo fare (vada davanti a un PC, acceso magari) iniziamo la rumba.

Io: Apra il prompt dei comandi
utOnta: Eh?
Io: Vada su start, esegui e digiti "Como Milano Domodossola, cmd".
utOnta: Fatto.
Io: Nella finestrella nera che le e' apparsa...
utOnta: Non ho nessuna finestrella nera.
Io: Prema invio.
utOnta: Ok, ora c'e'.
Io: Dicevo, in quella finestrella digiti "ipconfig" ovvero Italia, Palermo, Como, Otranto, Napoli, Firenze, Italia, Genova. Mi legga cosa c'e' scritto.

L'utOnta mi legge pari pari con un inglese maccheronico ogni cosa.

Io: Bene, digiti il comando "ping" seguito da 127.0.0.1 e mi dica alla voce "pacchetti persi" cosa le dice.
utOnta: Zero pacchetti persi.
Io: Ottimo. Ora digiti lo stesso comando di prima, ping, seguito da [IP della macchina].
utOnta: Fatto.
Io: Mi legga sempre i pacchetti persi, per favore.
utOnta: Zero pacchetti persi.
Io: Bene. Ora sempre ping ma questa volta seguito da [IP del router].
utOnta: Comando non trovato.
Io: Cio' non e' possibile.
utOnta: Comando non trovato.
Io: Non e' che non ho capito cos'ha detto, ho affermato che non era possibile. I primi due comandi sono riusciti bene, il terzo deve andare. Mi dice come l'ha scritto?
utOnta: ping[IPdelrouter]tuttoattaccato.
Io: Deve usare ping SPAZIO [IP del router], come ha fatto fino a ora. Se lo puo' digitare ancora...
utOnta: Ma lo devo riscrivere tutto?
Io: (penso) No, prova solo con la prima parte e vediamo se funziona (dico) Eh si, temo che non ci sia altro modo.

Poi il resto e' andato liscio (a parte il fatto che avevano l'ADSL down). La cosa, pero', che mi domando e': ma e' LEI che insegna agli alunni o sono gli ALUNNI che insegnano a lei?

20 commenti:

  1. La seconda che hai detto.

    ImpiegataSclerata

    RispondiElimina
  2. Il mio insegnante di informatica alle superiori...
    Ins: Questi computer ( 286 con un paio di 386 SX ) per voi non vanno bene!
    Noi: PEN-TIUM! PEN-TIUM!
    Ins: Qui servono degli 8086!
    Noi: ... Pronto, neuro? Venite in tanti.

    RispondiElimina
  3. La cosa assurda che fino al ping della macchina è andato tutto liscio. Perché con l'IP del router ha scritto unito? Non lo capisco. Se hai scritto per due volte lo stesso comando cambiando B, perché la terza volta lo scrivi in maniera sbagliata?

    Mah

    RispondiElimina
  4. @ImpiegataSclerata: Immaginavo una risposta simile. :)

    @Valeren: Non ho parole...

    @Lightuono: Guarda, me lo sono domandato anch'io ma non ho trovato nessuna spiegazione tranne "ricorda che stai parlando con un'utOnta".

    RispondiElimina
  5. Postulato del CL n.2:

    Quando un ICT contatta un CL per fargli eseguire una qualsiasi operazione, il cervello del CL si spegne ed esegue i comandi come gli vengono impartiti.



    ~

    RispondiElimina
  6. la cosa non mi stupisce neanche un po'. i docenti di informatica sono quasi sempre docenti di qualche altra disciplina, non necessariamente scientifica, ai quali viene appioppata anche informatica. E spesso e volentieri è lo studente che ne sa più del docente. Per come viene insegnata oggigiorno, a parer mio è deleteria e dovrebbe essere tolta dai programmi scolastici. Se fosse per la scuola, starei ancora sotto win98 a giocare a solitario.

    RispondiElimina
  7. Io devo ringraziare ENORMEMENTE la professoressa di informatica. Era una capra (e pure parecchio st....za, andava pure avanti a boccette di lexotan giornaliere, a detta sua...) e Le stavo sulle scatole per cui non sapeva un tubo e quanto le chiedevo qualcosa mi ignorava. Così ho imparato ad arrangiarmi, a cercare le cose, a studiarmi i menù, le finestrelle, i menù a tendina una per una ecc. (Okkey, non sono una superesperata ma so arrangiarmi da me medesima e questo non ha prezzo) Tanto se facevo danni erano PC della scuola.... ;-P

    ImpiegataSclerata

    RispondiElimina
  8. @Anonimo: Sarei anche d'accordo se non fosse per il fatto che i tre ping sono stati dettati parola per parola, spazi compresi ma che, inspiegabilmente (si fa per dire), l'ultimo e' stato interpretato in maniera differente. :D

    @Anonimo: Non posso dire nulla perche' tutto quello che conosco sul mondo dell'informatica deriva da esperienza diretta e non da scuole o corsi. Un esempio per tutti e' il comando "format" che capii a cosa serviva provandolo su un floppy che conteneva un gioco appena acquistato per l'Amiga 500. :D

    RispondiElimina
  9. @ImpiegataSclerata: Alla fine, se uno prova, testa, verifica, lancia comandi a [membro] di cane impara piu' che leggendo un manuale. :)

    RispondiElimina
  10. Lol... la parte più divertente è l'inizio alla tua richiesta di aprire il prompt dei comandi....sono ancora qui che rido...la sua risposta è stata fantastica. chissà che pensava che fosse.
    cmq non comment penso che la prima cosa che impari in informatica per contrallare la tua rete è il ping

    RispondiElimina
  11. @Saren: Ho smesso da tempo di cercare di capire gli utOnti. Ogni volta che mi passa per la mente il pensiero, lo allontano ricordando la frase "quando guardi nell'abisso, l'abisso guarda in te". ;)

    RispondiElimina
  12. > Io: Vada su start, esegui e digiti "Como Milano Domodossola, cmd".
    > utOnta: Fatto.

    Chissà perchè, mi aspettavo che avesse scritto proprio "Como Milano Domodossola cmd"

    Meno male che non ho mai seguito corsi di informatica, a parte "tecnica della programmazione" al poli, dove ci hanno insegnato il fortran 77 e qualche rudimento di assembler, cose che peraltro si trovano in qualsiasi testo di base (e poi all'esame il programmino era da fare in pascal, ma sorvoliamo su questi dettagli insignificanti...)

    RispondiElimina
  13. @mk66: Anch'io per un attimo ho temuto il terribile "Como Milano Domodossola". ;)

    RispondiElimina
  14. Essendo (purtroppo) sposato con un'insegnante, che mi tiene edotto su quanto capita nelle varie scuole dove insegna ed ha insegnato, non posso che confermare parola per parola quanto detto da anonimo 3 su come vengono nominati gli insegnanti di informatica. Ricordo una cosa che ho letto una volta, che recitava (a senso) quanto segue: "immaginate di avere un gruppo di adulti che riesce a malapena a scrivere in stampatello maiuscolo, ed a compitare le parole lettera per lettera ed a voce alta. Ora immaginate di prendere questi adulti, e di mandarli ad insegnare l'italiano ad un gruppo di studenti del liceo classico. Ecco, questa è grossomodo la situazione dell'informatica nella scuola italiana."

    RispondiElimina
  15. il mio insegnante di informatica alle superiori (tecnico x programmatori) era un laureato in informatica che insegnava fitness (giuro!) vedessi com'era contento quando gli abbiamo insegnato a scaricare la musica per le sue lezioni serali di step!!! abbiamo passato la 4° a navigare su internet in laboratorio e 8 politico a tutti. che pena la scuola pubblica.
    Ad.

    RispondiElimina
  16. @Bitmover "@Anonimo: Sarei anche d'accordo.."

    Probabilmente ti sei dimenticato l'inflessione "spazio" fra ping e ip :-P




    ~

    RispondiElimina
  17. ma e' LEI che insegna agli alunni o sono gli ALUNNI che insegnano a lei?

    Nein sono 2 gruppi di ignoranti che stampellandosi a vicenda creano i barbari che pensano di saperne piu' di noi solo perche' dopo elucubrazioni annuali riescono a cliccare su start>solitario.

    RispondiElimina
  18. Buon giorno a tutti io sono stata una delle "fortunate " che alle medie hanno subito il corso di informatica che si poteva riassumere in "aprite winzozz pigiate su paint e fate disegnini allegri " quindi non ti stupire che quella proff non sapesse cosa fare.

    RispondiElimina
  19. @lukasbrunner: Tristezza...

    @Anonimo: Ok, un punto per "alunni che insegnano all'insegnante". :)

    @Anonimo: Ahahahhahaha vero, non ci avevo pensato. :D

    @blu-flame: Non posso che essere d'accordo. Visto poi i commenti di questo post, non e' che ci sia da stare tanto allegri per il futuro...

    @Sabrina: Guarda, se fosse solamente per il fatto di "un insegnante di informatica che non sa un tubo della materia che dovrebbe insegnare" la cosa non mi stupirebbe piu' di tanto. Il problema e' che questo soggetto e' anche responsabile di TUTTA l'informatica della scuola (PC, stampanti, cablaggi, router e switch). Come dicevo prima, tristezza...

    RispondiElimina
  20. Una mia amica che insegna alle elementari è stata scelta come insegnante di informatica e mi ha chiamato perchè non riusciva a scaricare il pdf con il programma che avrebbe dovuto insegnare dal sito della sua stessa scuola...

    RispondiElimina