mercoledì 2 novembre 2011

Il controllore - parte 4

11 commenti:

  1. Been there
    Seen that
    Sworn for two hours

    RispondiElimina
  2. Ci deve essere un refuso.
    Se un treno ci precede ci ha già superato :-P
    Oppure non l'ho capita per niente :-|

    RispondiElimina
  3. @Anonimo: Si, errore mio. Intendevo dire il treno che ci "segue". :)

    RispondiElimina
  4. @Anonimo: ma sai che non avevo notato in quanto la stessa scena è successa a me? :)))

    RispondiElimina
  5. Been there, si sono fumati entrambi i motori. Più di una volta. Un'ora fermi tra Villafranca d'Asti e San Paolo Solbrito. Eh, ricordi di gioventù! (Sorvoliamo su quella volta che si è incendiato un freno...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Lukasbrunner: BaBBa Bia che Bella esperienza!!non ti invidio!
      a me è successo che sul treno Termoli-Torino si rompesse l'aria condizionata.Ad Aogsto.Finsetrini bloccati.Con il lato vagone dov'er io esposto al sole.Avrei ucciso qualcuno per avere un c***o ventilatore!!!!

      Elimina
  6. @lukasbrunner: Bello l'incendio del freno, deve essere stato interessante. :)
    Mi ricorda un po' quella volta che dentro la carrozza si e' iniziato a sentire un odore di olio bruciato impressionante e tutti hanno visto dai finestrini del fumo salire dal basso. :D

    RispondiElimina
  7. Successo a me l'altro giorno (cioé martedì sera). Un'ora e mezza di ritardo, inutile dire che il treno che seguiva è arrivato un minuto dopo.
    P.S. Non per farmi i $attributi tuoi, ma col treno riesce ad arrivare puntuale al lavoro? :-O

    RispondiElimina
  8. Questa mel'hanno raccontata

    Entra il capotreno in carrozza

    C: Buongiorno Signori! Scegliete: Luci o riscaldamento?
    Passeggeri: Come?
    C: A Padova si sono dimenticati di fare il pieno al locomotorie, e ora non abbiamo abbastanza carburante per arrivare a Trento, bisogna spegnere qualcosa. O le luci o il riscaldamento. Cosa scegliete?

    :facepalm
    ARM_

    RispondiElimina
  9. @lufo88: Si, riesco ad arrivare puntuale perche' lavoro nella via parallela alla stazione (400 metri a piedi, occhio e croce) ma soprattutto perche' il mio treno arriva alle 8:10 e io inizio a lavorare alle 8:30 quindi per ritardi "normali" ho un certo margine di tempo.

    @ARM_: O_o Incredibile...

    RispondiElimina
  10. @ARM_: raccontala completa. Erano le 1930 di un freddo giorno d'inverno ;)
    In più la famigerata tratta Trento-Padova è una cosa allucinante, qualcosa come 25 fermate in 100km e 3 ore e mezza, il 90% delle quali a binario unico

    @Bitmover: Ciao! è un po' che ti seguo, ti faccio i miei complimenti per il blog e ti auguro di continuare ad avere tanta pazienza (o sarcasmo, a scelta) per il lavoro che fai.

    Tsuki, una pazza biotecnologa il cui cibo preferito sono le fragole pesce

    RispondiElimina