martedì 27 dicembre 2011

Noi siamo tecnici 2

6 commenti:

  1. Vignetta a parte, non mi è chiaro cosa intendesse tecnico uTonto. Di virus (termine abusato) ce ne sono per tutti i gusti! Chissà cosa farfugliava....

    RispondiElimina
  2. Capitato qualcosa di simile anche a me, ma a parti invertite.
    Quando il tipo si è ritrovato davanti la documentazione, alla vista della sua faccia, non sono riuscito a trattenere le risate.

    RispondiElimina
  3. @lufo88: Purtroppo parlava proprio di un virus, non di un'applicazione. Secondo questo tizio, il virus che aveva colpito i loro server aveva creato delle applicazioni e non sto parlando di backdoor o simili ma software per aprire file di autocad e roba così. :D

    @wizard1993: Anche a me è successo a parti invertite (non su virus ma su networking). Peccato non avere la macchina fotografica a portata di mano quando serve. :)

    RispondiElimina
  4. Non è un virus è una AI nata nell'immenso mare delle reti informatiche che sta prendendo possesso del suo computer! ^_____^

    RispondiElimina
  5. @Bitmover: ora, secondo il Rasoio di Occam, la soluzione più semplice è la migliore, quindi NON è successo NIENTE!
    È una soluzione stranamente efficace per molti problemi che si presentano quotidianamente.

    Nel tuo caso, qualcuno avrà cambiato un paio di impostazioni di winsozz ed il CL si sarà spaventato...
    Poi, lui cerca su Google e trova un post su di un qualunque forum di uno che parla di quei virus che creano degli eseguibili con nomi simili ad altri programmi (cossicché se sei un decelebrato potresti non zappare i processi) e, da li, il salto non è poi così lungo...

    È come quando arrivò un Martedì 26 a caso in ufficio, dopo una settimana (con in mezzo il Natale) passata con l'influenza, e la mia collega dice che hanno chiamato in 1000 settimana scorsa, che niente funzionava del software da me sviluppato...

    E no, lei non ha chiesto cosa facessero, ne si è fatta spiegare esattamente il problema, men che mai tentare di riprodurlo in sede...

    RispondiElimina
  6. Davide Zamberlan: Se fosse davvero una AI lo preferirei perche' sono CERTO che non romperebbe le scatole a me per problemi stupidi. :)

    Daniele C.: Io sono convinto che ci sia qualcosa di profondamente sbagliato nel cervello di quel tizio ma puo' anche essere che il fattore "spavento" abbia contribuito. :)

    RispondiElimina