venerdì 29 luglio 2011

Signore e signori... ferie!

Finalmente e' arrivato il momento piu' bello dell'anno, quello delle ferie estive ovvero 17 splendidi giorni lontano dagli utOnti.
Quando leggerete questo post saro' in viaggio privo di ogni forma di tecnologia (cellulare a parte). I post continueranno ad apparire come al solito il lunedi', il mercoledi' e il venerdi' ma rispondero' ai commenti solamente dal 16 di agosto in poi, giorno (purtroppo) del mio rientro in ufficio.
Buone ferie a tutti, belli e (b)rutti! :P

Stare sul chi vive

Siamo nel periodo luglio-agosto e [collega] e' al primo giorno di ferie. Squilla il telefono.

Io: Buongiorno, sono [io] di [nome ditta].
utOnta: Salve, vi sto chiamando dal mio cellulare perche' abbiamo problemi al centralino. Non riusciamo a passare le telefonate e nemmeno a farle.
Io: Ok, verifico e le faccio sapere.

Dopo un rapida occhiata, pero', capisco che e' un problema fuori dalla mia portata (non conosco cosi' bene il mondo dei centralini VoIP e, a voler essere onesti, NON lo voglio conoscere). Visto che e' [collega] che in genere si occupa di queste cose decido che e' il caso di dargli il buongiorno. In tutti i sensi. Per la cronaca, sono le 8:40 del mattino.

Collega: (con la voce MOOOOOOLTO assonnata) Pronto?
Io: Ehila', sono [io].
Collega: (sbadigliando) Ciao, dimmi.
Io: Senti, [cliente] ha un problema con il centralino. Dicono che non riescono a fare telefonate e nemmeno a passare quelle che ricevono.
Collega: E' gia' capitato in passato. Vai nella directory di configurazione, cambia questo e quell'altro file in questo e quell'altro modo, riavvia il centralino e sei a posto.
Io: Grazie.
Collega: Di nulla.

Butto giu', modifico i file di config del centralino e tutto torna a funzionare che e' una meraviglia. In quel momento entra il Boss.

Boss: Hai risolto il problema di [cliente] con il centralino?
Io: Si ma ho dovuto chiamare [collega].
Boss: A quest'ora? Al primo giorno di ferie? Ma sei un animale!
Io: Ma, sai, credo che [collega] bisogna tenerlo un po' sul "chi vive". Un po' di sana tensione per non farsi mancare nulla dall'ambiente di lavoro.

Il Boss se ne e' andato senza aggiungere nulla. Che io sia stato davvero cosi' bastardo? :)

mercoledì 27 luglio 2011

Dr Jekyll e Mr Hyde



lunedì 25 luglio 2011

Rubrica, questa sconosciuta

E' una giornata di inizio agosto un po' piovosa e la cosa, come saprete se mi leggete da un po', mi tira su il morale. Dopo una veloce pausa caffe', il Boss fa la comparsa alla mia scrivania.

Boss: Tocca che ti spedisco da [cliente].
Io: Che succede?
Boss: Varie cose. Ti ho girato alcuni ticket.
Io: Ok.

Cosi', pieno di belle speranze, mi reco dal suddetto cliente e verifico i ticket che il Boss mi ha girato.

************************************
Ticket1 from utOnto:
La mia stampante non stampa piu'
************************************

Vado dall'utOnto e mi metto ad analizzare il problema (dopo aver verificato che non si sia incartato il servizio di Windows o tutto Windows) e scopro (sarcasmo) con una certa soddisfazione (/sarcasmo) che l'utOnto in questione possiede una "fantastica" HP LasetJet 6 dotata unicamente di cavo parallelo (niente USB o Ethernet) collegata a un JetDirect che la trasforma in una meravigliosa stampante di rete.
Tutto questo sarebbe bellissimo se non fosse per il fatto che la stampante, sul PC di utOnto, e' installata come "LPT".

Io: Hai toccato qualcosa?
utOnto: No.
Io: Giusto per essere sicuri, hai toccato qualcosa?
utOnto: Ehm... no?
Io: Stai chiedendo a me la risposta?
utOnto: No, sono sicuro di non aver toccato niente. Pero'...
Io: Pero' cosa?
utOnto: Ieri hanno lavorato alla mia postazione dei tecnici di [nome azienda].

A sentire quel nome mi si drizzano tutte le antenne. L'azienda in questione, almeno per i pochi utOnti Tecnici che ho avuto la sfortuna di incontrare, non e' proprio nella mia lista di "persone gradite". Diciamo che tende piu' a quella "inferno: meglio evitare".
Comunque sia, dopo una veloce controllata ai documenti sul portatile ripristino la giusta porta e la stampante riprende a funzionare in allegria.

************************************
Ticket2 from utOnta:
Dovrei installare la posta certificata, potete aiutarmi?
************************************

In sala macchine installo un plugin a MDaemon, lo configuro e mi reco dall'utOnta. Dopo qualche minuto il suo Outlook e' configurato e pronto a essere distrut... ehm, utilizzato.

utOnta: Posso chiederti una cosa prima che tu te ne vada?
Io: Dimmi.
utOnta: Sai che [altra utOnta] ha perso la rubrica della posta?
Io: Si lo so ma la realta' e' un pelo diversa.

Ovvero non salvava gli indirizzi nella rubrica ma si "accontentava" di quelli memorizzati da Outlook a forza di digitarli. Visto che il computer ha fatto improvvisamente "puff" (aka saltato il disco), l'utOnta ha perso, stranamente, tutti i suoi contatti cosa che invece non sarebbe successa con la "normale" rubrica in quanto viene backuppata regolarmente ogni sera insieme ad altra immond... ehm... altri dati che risiedono sui PC.

utOnta: Comunque sia, visto che io utilizzo lo stesso metodo di [altra utOnta], non si potrebbero salvare quegli indirizzi?
Io: Ma perche' vi fa cosi' schifo usare la rubrica di quel (penso) [parola davvero poco carina] (dico) programma?
utOnta: Ma sai... sbidiguda... antani... scappellamento a destra...
Io: Tutto bello ma no, o usi la rubrica o non si recupera niente.

Nota: So che questo non e' vero, so benissimo che c'e' un file con estensione nk2 sul PC che attende solo di essere recuperato e che ci sono tanti programmi per farlo (come questo, per esempio) ma no, non e' affar mio. Queste sono le politiche aziendali e non mi azzardo minimamente a metterle in discussione.

************************************
Ticket3 from utOnto2:
Devo andare in vacanza, posso portare le mail con me?
************************************

Odio gli utOnti che devono andare in vacanza con le mail del lavoro ma rientra nei miei doveri aiutare queste povere anime quindi...

Io: Ciao, sono qua per il ticket che hai aperto.
utOnto2: Si, bene. Posso portare le mail con me?
Io: Le mail fisicamente risiedono sul server e non sul tuo portatile ragion per cui no, non puoi portartele dietro.
utOnto2: E se le stampassi?
Io: Non posso impedirtelo (penso) e, se non penso alla quantita' di alberi che devono tagliare per farti stampare tutta la tua [materia organica di scarto prodotta dal corpo umano], non mi interessa nemmeno un po' a voler essere onesti (dico) quindi la scelta e' tua.
utOnto2: Ma non possiamo spostare il file delle mail dal server al portatile?

Prego notare l'uso del plurale.

Io: Se ti sposto il PST delle mail dal server al portatile poi pero' non viene fatto il backup dei nuovi messaggi.
utOnto2: Ma...
Io: Senti, non puoi avere le mail sul portatile E il backup sul server quindi dimmi tu cosa fare.

Altra nota: Si, so bene che puo' avere entrambe le cose anche perche' basterebbe attivare il flag di lasciare le mail sul server (o farlo collegare in VPN) ma siamo in agosto e non ho voglia di [plurale dell'azione sessuale in solitario atta a provocare piacere negli esseri umani di sesso maschile]. Inoltre sono sicuro che tanto ci guardera' una volta. Forse. Se gli scappa il dito sul mouse. Mentre visita siti porno.

utOnto2: Allora lasciamole sul server che tanto non so neanche se mi servono.

Che vi avevo detto?

Io: Ok.
utOnto2: Spiegami pero' come faccio ad accedere alla webmail che non mi ricordo.
Io: (per la trecentesima volta) Apri il browser, clicchi sul link "webmail aziendale", inserisci login e password.
utOnto2: Le mie?
Io: (penso) No, di Bill Gates (dico) Si, le tue.
utOnto2: Ok, grazie.
Io: Prego.

Dopo un po' i deliri in questa azienda finiscono e faccio per andare via quando mi ferma un'altra utOnta.

utOnta2: Hai un secondo?
Io: Giusto uno, stavo uscendo.
utOnta2: Ci metto un attimo, devo solo chiederti una cosa.
Io: Dimmi.
utOnta2: Ho saputo che [altra utOnta] ha perso gli indirizzi di posta elettronica.
Io: (penso) ucci ucci (dico) E?
utOnta2: Visto che io utilizzo lo stesso metodo di [altra utOnta], non si potrebbero salvare quegli indirizzi?

Ma secondo voi, questi qua ce l'hanno proprio con la rubrica di Outlook o lo fanno semplicemente per rendermi le giornate peggiori di quello che gia' sono?

venerdì 22 luglio 2011

Datemi delle tenaglie!

Oggi mi sarebbero servite proprio delle tenaglie. Perche'? E' presto detto. Sono le 15 di un maledettissimo e incredibilmente afoso giovedi' pomeriggio. L'unica cosa che mi manda avanti (volendo escludere lo stipendio alla fine del mese) e' il fatto che domani e' l'ultimo giorno poi mi godro' due fantastiche settimane di ferie lontano da ogni forma di tecnologia.

Nota: Parliamo dell'anno scorso, per le ferie di quest'anno dovro' attendere ancora una settimana, una sola schifosa settimana.

Murphy, comunque, decide di rallegrarmi un po' la giornata con un utOnto Tecnico particolarmente rintronato. In un attacco di bonta' ho dato la colpa al caldo ma piu' passa il tempo meno ci credo.
Mi arriva un ticket. Riporto pari pari:

**********************************
From: [utOnta]
To: [io]
Non si riesce a fare il backup del database.
**********************************

A un ticket del genere si potrebbe pensare che sia tutto normale se non fosse che:
  1. L'utOnta non e' incaricata di nessun tipo di backup;
  2. In quell'azienda hanno cinque database su altrettanti server quindi sarebbe gradito sapere se c'e' un problema su tutto il sistema di backup (orrore) o se e' il problema solamente di uno dei database (orrore lo stesso, ma meno orrore del precedente).
Non potendo sondare telepaticamente utOnta (anche perche', se potessi farlo, mi verrebbe da imitare Darryl Revok) decido che e' il caso di chiamarla.

utOnta: Buonasera, [nome ditta].
Io: Ciao, sono [io]. Che cosa vuol dire il ticket che mi hai aperto?
utOnta: Ah, parla con [utOnto Tecnico]. Lo trovi al [numero di cellulare].
Io: Ok.

Chiamo il numero che mi e' stato dato.

uT: Si?
Io: Ciao, sono [io] di [nome ditta].
uT: Ci... ono... prob... l... up!
Io: Non ho sentito un tubo, hai la voce che va a scatti.
uT: Ci... ono... prob... l... up!!!
Io: Niente, ti chiamo al fisso. Sei in azienda?
uT: ...i!

Prendendo l'ultima risposta per "si", provvedo a chiamare uT in azienda. Ora, volendo analizzare la cosa, ci si potrebbe domandare perche' utOnta, prima, mi ha dato il numero di cellulare di uT anziche' passarmelo direttamente ma ci sarebbero troppe risposte da dare quindi lasciamo perdere. Chiamo in azienda.

utOnta: Buonasera, [nome ditta].
Io: Ciao, sono sempre [io]. Mi puoi passare [utOnto Tecnico]?
utOnto: Ok, un attimo.

"Ok" un par de...

uT: Ora mi senti meglio?
Io: Decisamente.
uT: Bene. C'e' un problema nel backup.
Io: Che backup?
uT: C'e' il disco pieno.
Io: (penso) Non ho chiesto QUALE problema ma QUALE backup (dico) A quale backup ti riferisci?
uT: Quello sul server.
Io: Quale (penso) [organo genitale maschile volgarmente detto] di quel [bestemmia] di (dico) server dei cinque che avete? (penso) [parole poco carine rivolte a lui e a tutti i suoi parenti].

Nota: Qui avrei voluto davvero essere Darryl Revok o, in alternativa, avere delle robuste e minacciose tenaglie.

uT: Ah, [server].
Io: Tornando indietro di qualche passo, che disco e' pieno?
uT: Il disco "G".
Io: Bene, ora saresti cosi' gentile da dirmi perche' chiami me se c'e' il disco pieno? Non sei tu quello che se ne occupa?
uT: Si ma, vedi, l'altra volta l'ho detto a [mio Boss] perche' tu non c'eri e lui si e' collegato e ha cancellato dei files.
Io: Quali files?
uT: Erano dentro "G", non ricordo bene.
Io: (penso) calma, calma, dai che e' ormai finita e le ferie sono alle porte (dico) Dentro il disco "G" ci sono quasi 40GB di file divisi in qualcosa tipo cinquecento cartelle. Mi servirebbe sapere con un po' piu' di precisione dove sono esattamente questi (penso) [sempre organo genitale maschile volgarmente detto] di (dico) file.
uT: Eh, non te lo so dire. Bisogna che senti con [mio Boss].
Io: Ok, ti aggiorno appena so qualcosa.

A volte quando servono non ho mai le tenaglie a portata di mano...

mercoledì 20 luglio 2011

Spazio esaurito



lunedì 18 luglio 2011

utOnta sull'orlo di una crisi di nervi

Oggi ho raggiunto la follia, l'ho superata e lei, offesa, mi ha detto: "Oh, dove [organo genitale maschile volgarmente detto] vai?"
Sara' che si stanno avvicinando le ferie estive, sara' l'afa, sara' il caldo ma oggi un'utOnta ha lasciato il cervello a casa. Nell'armadio. Coperto da un telo molto ma molto spesso.
Suona il telefono...

Io: Buongiorno, sono [io] di [nome ditta].
utOnta: Ciao, ho un problema con la posta elettronica.
Io: Del tipo?
utOnta: Sai quello dell'altra volta? Ecco, la stessa cosa.
Io: L'altra volta avevate il server di posta che era finito in una blacklist a causa di un virus che, se non ricordo male, avevi preso tu.
utOnta: Ehm... si, ecco... la stessa cosa. Mi e' appena apparso un errore simile.

"Simile" non significa uguale. Almeno a casa mia.

Io: Me lo leggeresti per cortesia?

Nota: Il messaggio di risposta dal server e' in inglese. utOnta conosce l'inglese come io so costruire bombardieri stealth.

utOnta: "[Programma]@[miodominio]" e poi altro.
Io: No, "altro", non e' una risposta accettabile. Leggimi il messaggio.
utOnta: Ehm...
Io: Ok, lascia stare. Mi collego e guardo.

Il suo PC, pero', risulta offline.

Io: Il tuo PC non e' in linea. Potresti collegarti per cortesia? (penso) Cosi' magicamente spariranno anche i problemi di posta, fra l'altro...
utOnta: Sono online!
Io: Mi sembra molto strano.
utOnta: Guarda... www.google.it... ci sono!
Io: Prova a fare una ricerca allora.
utOnta: www.[altrosito].com... fatto!
Io: (penso) no, non e' la stessa cosa soprattutto se quel sito ce l'hai in cache (dico) senti lasciamo perdere. Ora ti detto un sito, quando ti sei collegata clicca sul mio nome cosi' partira' la connessione. Se dovesse chiederti di installare qualcosa tu rispondi sempre "si".
utOnta: Ok.
Io: Senza il www davanti vai su sitename.mycompany.it

Nota: Il sito l'ho dettato lettera per lettera perche' sapevo che lei e l'inglese sono due cose diverse e separate dalla nascita.

utOnta: Ok, sisename...
Io: No, non sisename, sitename.mycompany.it
utOnta: Ah, ho capito. sitenam.myc...
Io: No, non sitenam, sitename.mycompany.it
utOnta: sitename, ok, capito. Invio, sta caricando.
Io: No, come sta caricando? Non era finito a sitename, dovevi aggiungere mycompany.it
utOnta: Ah, ok.
Io: Senti, lasciamo perdere. Ti mando una mail con il link. Aprilo e nella pagina ci sara' il mio nome. Lo clicchi e io mi collego. Ok?
utOnta: Va bene.

Io le ho mandato la mail ma dopo due ore non e' partita nessuna connessione e non mi ha piu' ricontattato. Che si sia accorta che per scaricare la posta bisogna essere online?

venerdì 15 luglio 2011

Lavora pure... forse

Giornata di delirio in ufficio e, fra i vari utOnti che mi sono capitati, ce ne sono due che vale la pena citare.
Il primo dei due utOnti e' un tizio al quale devo reinstallare un certo programma. Dopo aver raccimolato le informazioni necessarie (e il coraggio di comporre il numero, perche' sapevo cosa mi aspettava) alzo la cornetta e do il via alle danze.

utOnto: Si?
Io: Ciao, sono [io] di [nome ditta]. Ti chiamo per la reinstallazione di [software].
utOnto: Ah, e' vero. Ok.
Io: Posso lavorare ora o preferisci fare piu' tardi?
utOnto: No, no. Puoi fare ora.
Io: Ok, non sto a tenerti al telefono perche' mi servira' qualche minuto. Appena ho fatto ti richiamo.
utOnto: Ok.

Ho buttato giu' riflettendo sul fatto che "forse non era cosi' male come pensavo" e ho incominciato il mio lavoro.
Doppio-click sull'icona del server...
Doppio-click sull'icona della share di rete...
Doppio-cli... FUCK!
Il mouse inizia a muoversi da solo. Le cose sono due: il mio PC si e' beccato un folletto cattivo che sta manovrando a mia insaputa ogni componente hardware oppure l'utOnto ha spento anche le ultime cellule cerebrali e si e' messo a lavorare come se nulla fosse.
Infatti, guarda a caso, si apre la posta elettronica, si apre Word, si apre Internet Explorer e cosi' via.
Acchiappo il telefono e richiamo il [parola poco carina].

utOnto: Si?
Io: Ciao, sono di nuovo [io]. Stavo lavorando al PC ma ho visto che hai ripreso il controllo. Vuoi che facciamo dopo?
utOnto: Ah... no... dovevo... ehm, dovevo solo recuperare un'informazione da una mail.
Io: (penso) E allora perche' hai aperto anche Word, Internet Explorer e ogni altro programma installato ed eseguibile? (dico) Ok, ora posso andare?
utOnto: Si, vai.
Io: Mi serviranno alcuni minuti. Ti chiederei la cortesia di lasciarmi finire l'installazione prima di utilizzare ancora il PC. Ok?
utOnto: Ok.

Finita la procedura passo ad altri ticket e la mattinata finisce. Nel pomeriggio mi chiama un altro utOnto lamentando problemi alla navigazione.

Io: Dovrei collegarmi al PC. Posso farlo ora?
utOnto2: Si si, fai pure.

Chiudo la telefonata, lancio il collegamento, inizio a cercare di capire cosa c'e' che non va ma... FUCK!
utOnto2 ha preso il controllo del PC e, nell'ordine:
  1. Ha aperto tre documenti Word e due Excel;
  2. Ha aperto Outlook;
  3. Ha aperto Internet Explorer ma si deve essere reso conto che "ancora non funziona Internet" e lo ha chiuso;
  4. Ha aperto un programma che usano in quell'azienda per Odino-solo-sa-cosa.
Richiamo l'utOnto.

utOnto2: Buonasera, [utOnto2].
Io: Sono sempre [io]. Se devo risolverti il problema alla navigazione mi faresti lavorare, per cortesia?

Il mouse e la digitazione alla tastiera di utOnto2 improvvisamente si fermano.

utOnto2: Io non stavo facendo niente.
Io: Si, certo, ora pero' smetti di fare quel poco che stavi facendo e lasciami lavorare.

utOnto2 ha mugugnato qualcosa e ha chiuso la telefonata. Io in due minuti gli ho risolto il problema. La cosa che mi sono domandato (e che sto continuando a chiedermi) e': ma se fai richiesta di assistenza remota e, alla domanda "posso lavorare adesso o facciamo piu' tardi" tu rispondi "adesso", non ti viene il dubbio che magari e' meglio lasciare lavorare gli altri? Mi sa che sto chiedendo troppo, ultimamente, ai miei utOnti...

mercoledì 13 luglio 2011

Faccialibro



lunedì 11 luglio 2011

Ufficio complicazioni cose facili

Oggi e' stata una giornata... umh, come dire... ecco... boh, sinceramente non saprei definirla correttamente.
Alle 14:30, al rientro dalla pausa pranzo. Neanche il tempo di farsi un santo caffe' che suona il telefono.

Io: Buongiorno, sono [io] di [nome ditta].
utOnta: Ciao, senti c'e' [utOnto] che ha un problema.
Io: Del tipo?
utOnta: Devi sapere che questa mattina mi ha chiamata per dirmi che aveva dei problemi di collegamento ad [applicazione importantissima] quindi io ho cercato [utOnto2] per riferirgli la cosa (che sarebbe l'incaricato nonche' il programmatore della fantastica applicazione) ma era fuori azienda. A questo punto (qua ho scollegato il cervello) io ho fatto quello che dovevo fare e la mattinata e' trascorsa normalmente. A mezzogiorno, pero', mi ha richiamato [utOnto] chiedendomi a che punto eravamo con la risoluzione del suo problema quindi io ho chiamato [utOnto2] che pero' mi ha risposto che era sicuramente un problema di connettivita' di [utOnto]. Io ci ho creduto poco ma ormai eravamo in pausa pranzo e ho aspettato. Pochi minuti fa mi ha contattato nuovamente [utOnto] dicendo che continuava ad avere problemi di collegamento e ho chiamato voi (qua ho ricollegato il cervello).
Io: Ehm... quindi?
utOnta: Potresti chiamare [utOnto]?
Io: Tutto qua?
utOnta: Si.
Io: (penso) Perche' non sei partita dal medioevo con il tuo bel racconto? (dico) Va bene.

Trenta secondi dopo, il problema (riavvio del servizio dell'applicazione) e' risolto e si passa oltre.
E' il turno di utOnto3 che, per sua fortuna, non ha fatto niente di particolare. Mi devo semplicemente informare se e' stato dotato di hard disk esterno e, nel caso, se sa che deve collegarlo ogni lunedi' per il backup (si, purtroppo e' uno degli "scienziati" di cui parlavo in questo post). Compongo il numero.

utOnto3: Si?
Io: Ciao, sono [io] di [nome ditta].
utOnto3: Ciao!
Io: Senti avrei bisogno di sapere se ti hanno dato un hard disk esterno per il backup.
utOnto3: Si.
Io: Ok, lo sai che e' da collegare ogni lunedi' prima di mezzogiorno?
utOnto3: Cosa?
Io: (penso) bevuto un grappino di troppo questa mattina? (dico) L'hard disk esterno.
utOnto3: No.
Io: Eh? "No" cosa?
utOnto3: Non ho l'hard disk esterno.
Io: (penso) hai bevuto DIVERSI grappini di troppo? (dico) Ma se due secondi fa mi hai detto di si?
utOnto3: Ah, no, scusa intendevo il lettore CD.
Io: Il lettore CD?
utOnto3: Si.
Io: Ti hanno dato un lettore CD esterno?

Nota: Nessuno in quell'azienda ha un lettore CD esterno. Neanche il presidente che e' uno che cambia cellulare ogni volta che esce il modello superiore a quello che gia' possiede.

utOnto3: No.
Io: (penso) Om... om... meditazione zen... om... (dico) Ok, la prendo come risposta alla mia prima domanda.
utOnto3: Ok, posso fare altro?
Io: (penso) Odino me ne scampi! (dico) No, grazie.

Sto per buttare giu' ma utOnto3 si ricorda improvvisamente una cosa.

utOnto3: Ehi, aspetta! Ci sei ancora?
Io: (penso) purtroppo (dico) Dimmi.
utOnto3: Visto che io non posso farlo, potresti aggiornarmi l'Acrobat Reader che devo vedere i filmati su youtube?

Nota: Si, sono state le parole testuali e si, l'utOnto non ha i permessi di amministrazione sulla sua macchina perche' l'ultima volta che glieli abbiamo dati ci e' tornato indietro il portatile sette, no dico sette, giorni dopo da formattare.

Io: Stai facendo confusione. L'Acrobat Reader non serve per i filmati su youtube. Penso tu intenda il flash player.
utOnto3: Si, dai, acrobat, flash, quella roba li'.

Sarei curioso di andare da utOnto3 a chiedergli di vendermi un cacciavite o una bomba atomica rispondendo "ma si, dai, quella roba li'" alla richiesta di spiegazioni. Non prentendo, come ho gia' detto in passato, Einstein dell'informatica ma come cavolo pensi che sia "quella roba li'" quando parli di due prodotti differenti? Mah...

sabato 9 luglio 2011

Black Cat

A volte ci sono blog che ti fanno pensare (sono serio), tipo questo. Fateci un salto se vi va.

venerdì 8 luglio 2011

La benzina non si sniffa

Oggi, causa mancanza di benzina nel serbatoio della macchina, sono uscito dieci minuti prima di casa per passare dallo spacciatore di petrolio. Evidentemente i fumi della benzina hanno fatto qualche danno ai due addetti perche' altrimenti alcune cose non si spiegano proprio.
Andiamo con ordine.
Arrivo alla pompa, quella con il self service, scendo e faccio per mettere la pistola nel serbatoio quando uno dei due addetti si avvicina e mi anticipa sul tempo.

Io: Buongiorno.

L'addetto non mi risponde quindi, dopo aver bloccato la pistola in modo che sputi fuori carburante da sola, se ne va.

Io: (penso) Chiedere quanti euro ci dovevo mettere dentro no, eh?

Beh, se non altro dovevo fare il pieno per cui non sono stato a tirarla troppo per le lunghe.
I numeri, purtroppo, salgono e quando sta per arrivare il limite massimo dei litri si presenta il secondo addetto.

Addetto2: Salve.
Io: (penso) Almeno questo saluta (dico) Salve.

Addetto2 alza gli occhi e vede la mia maglietta.

Addetto2: Cosa c'e' scritto?

Io prendo la maglia e la guardo, non tanto perche' non so cosa c'e' scritto ma perche' alle 7:15 della mattina senza caffe' non mi ricordo molto bene cosa cavolo mi sono messo addosso.
Faccio per aprire bocca ma vengo anticipato.

Addetto2: (con tono sarcastico) Non lo sai, eh?
Io: Veramente c'e' scritto "vieni nel lato oscuro. Abbiamo i biscotti".
Addetto2: (deluso) Ah.

La pistola a questo punto stacca il flusso di benzina, l'addetto2 la estrae poi mi guarda.

Addetto2: (guardando l'indicatore degli euro che segna 46) Arriviamo a 50?
Io: No, non ci arriviamo.
Addetto2: Si che ci arriviamo.

Allora:
  1. Se ti dico "no, non ci arriviamo" magari e' perche' non voglio mettere cinquanta euro, mai pensata questa cosa?
  2. Se non mi interessano quei tre, quattro euro in piu' non e' che ti sorge il dubbio che cinquanta euro non ci stanno fisicamente nel serbatoio?
Con una serie di movimenti di polso e di scatti fulminei l'addetto riesce a portare il conteggio degli euro a 49,80 ma il carburante e' al limite massimo. Praticamente e' raso al tappo del serbatoio, una goccia in piu' non ci sarebbe stata.

Io: Direi che si puo' accontentare non crede?
Addetto2: Ma mancano 20 centesimi ai cinquanta euro!
Io: E dove pensa di metterla? Vuole tirare su un muretto con due sassi per metterci quei 20 centesimi in piu'?

Addetto2 ha guardato me (un po' male a dire il vero) poi il serbatoio quindi ha riposto la pistola e se ne e' andato con qualche mugugno verso un altro cliente. Io ho chiuso la macchina e sono andato a pagare nell'ufficio dei due tizi ma quando arrivo non c'e' nessuno.

Passa 1 minuto...
Passano 3 minuti...
Passano 5 minuti...

Io: (penso) E dove cavolo sono andati a finire?

Butto un occhio dentro al bar e vedo il primo addetto che e' tranquillo e beato a bere il suo caffe' e a chiacchierare con i presenti. Qua ho pensato due cose:
  1. Aspetto pazientemente che il tizio si dia una svegliata;
  2. Entro dentro e lo trascino nel suo ufficio a forza.
Ho aspettato. Purtroppo.
Dopo un altro paio di minuti, Addetto si deve essere reso conto che qualcuno magari lo stava aspettando quindi ha salutato tutti ed e' uscito. Cinque minuti dopo ero di nuovo in viaggio ma con questo dubbio: so che i vapori della benzina non fanno proprio bene bene ma questi due se li sniffano prima di andare a dormire?

giovedì 7 luglio 2011

Questa e' magnifica

Scritta da Thal in un commento al post di ieri. I miei complimenti, e' geniale. :D


"Mi si è bloccato tutto mentre stavo scrivendo la mail!"
"Riavvii"
"Non posso, poi perdo la mail"
"è lunga?"
"Una decina di righe, perchè?"
"Ok, faccia questa prova: apra il terminale e digiti "sudo shutdown""
...
...
spelling, dirgli passo passo tutto lettera per lettera e click per click
...
...
"Mi si è spento tutto!"
"Ma dai? strano! comunque credo che ora partirà"

Forzare il riavvio per evitare il loop dell'utente, con linux si può.

mercoledì 6 luglio 2011

Zelig

Della serie, non capitano solo a me... :)



martedì 5 luglio 2011

Non ho parole... Abbiatene voi per me

Questa e' di Stefano, riportata come commento in questo post.


Ok questa ve la devo raccontare...

Io: [Ditta] sono Stefano
ut: Ciao! Ho un problema con la VPN
Io: Mi dica
ut: Mi si disconnette sempre
Io: Le ritorna qualche errore?
ut: No mi si disconnette questa [organo genitale maschile] di una [sinonimo di escremento] di VPN!!! Io non ne posso più tutti i giorni abbiamo questi problemi e dobbiamo sopportare tutta sta [colpo segreto di una prostituta (e chi la capisce è bravo)] di roba... NON E' POSSIBILE LAVORARE COSI'!
Io: Ha finito lo sfogo? Se sì le fornisco assistenza, se no chiudo la telefonata e la segnalo al suo caposervizio.
Ut: Ho finito, ma [scrofa] di quella [prostituta], pure il moralista dovevo beccarmi.
Io: Diceva che AVETE questi problemi, lei e...?
Ut: Io, io ho questi problemi.
Io: Dobbiamo sopportare... Lei e?
Ut: Io! Ti ho detto che ho io questi problemi!
Io: (penso) I babbuini sono MOLTO più evoluti (dico)Bene, allora. Le ho disattivato la protezione VPN provi a navigare senza VPN collegata.
ut: Sì funziona
Io: Molto bene, allora adesso indaghiamo su qual...
Ut: Ora si è bloccato cosa hai fatto?
Io: Nulla a dire il vero...
Ut: Ora non va più che [lo stesso organo genitale di prima] hai fatto?
Io: Con cosa è collegato?
Ut: Con il cavetto, ah inoltre è da qualche giorno che non mi si connette più alla rete
Io: (penso) non è possibile... Si collegherà con la wireless se non gli va il cavo (dico) Ah quindi è collegato in wireless?
Ut: No, perchè non mi trova la rete sto [l'organo di cui sopra] di computer di [sempre l'escremento di prima]
Io: Uhm... E come pensa che possa aiutarla se non è collegato in rete? Mi serve il computer qui.
Ut: Ma da lì non riesci a fare niente?
Io: I miracoli ancora non sono in grado di farli, figuriamoci se con un miracolo riesco addirittura a riparare l'hardware del computer...
Ut: Eh?
Io: Lascia perdere... Mi serve qui...
Ut: Allora te lo farò spedire, ma mi serve il computer io ci carico la roba sul server!!
Io: Come senza la rete?
Ut: Ti faccio avere il computer
Io: Arr...

*tu tu tu tu tu tu tu*

Non ho parole...
Abbiatene voi per me...

lunedì 4 luglio 2011

L'odioso backup

E ci risiamo un'altra volta. Di cosa parlo? Del backup di una decina di utOnti che dovrebbero fare e che, regolarmente, non fanno lamentandosi poi delle perdite di dati importanti. Questi utOnti sono stati dotati di portatile e hard disk esterno da usare esclusivamente per il backup e l'unica cosa che devono fare e' collegare il suddetto hard disk all'altrettanto suddetto portatile ogni lunedi' prima di mezzogiorno. Cosa c'e' di cosi' difficile? Nulla, se non fosse per il fatto che sono utOnti.
Oggi, avendo cinque minuti liberi, ho verificato la situazione e, come al solito, ci sono casini. L'utOnto migliore, per cosi' dire, ha eseguito il backup due mesi fa. Il peggiore e' a quota sei mesi.
Procedo, quindi, a informare il Boss della cosa.

Io: ...e quindi ci sarebbe da forzare un backup se quei [parola poco carina] non vogliono trovarsi senza i loro importantissimi dati.
Boss: Ok, chiamali e digli di attaccare l'hard disk poi forza il backup e ricordagli che DEVONO collegare quel [attributo maschile] di disco esterno.
Io: Ok.

Prima telefonata.

Io: Ciao, sono [io] di [nome ditta]. Dai log risulta che non esegui il backup da tre mesi.
utOnto: Ehm...
Io: Collega il PC a Internet e l'hard disk esterno al PC cosi' posso forzare un backup.
utOnto: Sono collegato a Internet.
Io: No, non lo sei.
utOnto: Si, lo sono.
Io: Senti, possiamo andare avanti per mezz'ora ma tu non sei collegato a Internet quindi vedi di far partire quella (penso) [parola davvero molto poco carina] (dico) connessione.
utOnto: (stizzito) Ok.

Seconda telefonata.

Io: Ciao, sono [io] di [nome ditta]. Dai log risulta che non esegui il backup da due mesi.
utOnto2: Due mesi? Impossibile.
Io: L'ultima volta che hai collegato l'hard disk esterno e' stato in aprile. Guarda a caso e' anche la data dell'ultimo backup.
utOnto2: Ah.
Io: Collega il PC a Internet e l'hard disk esterno al PC cosi' posso forzare un backup.
utOnto2: E' gia' collegato.
Io: Anche l'hard disk?
utOnto2: Si, si, e' gia' collegato anche quello.

L'unico hard disk presente, pero', e' il disco "C".

Io: Sei sicuro di quello che stai dicendo?
utOnto2: Prima era collegato.
Io: Verifica.
utOnto2: Umh... qualcuno deve averlo staccato dal PC. Te l'ho ricollegato ora.
Io: (penso) Saranno stati i puffi (dico) Ok.

Terza telefonata.

Io: Ciao, sono [io] di [nome ditta]. Dai log risulta che non esegui il backup da ben sei mesi. Complimenti, fra parentesi.
utOnto3: Sei mesi? No, guarda, non e' possibile.
Io: (penso) Aridaje (dico) Potremmo stare a discutere della cosa per ore ma io ho i log del backup e mi sembra abbastanza inutile parlarne. Collega il PC a Internet e l'hard disk esterno al PC cosi' posso forzare un backup.
utOnto3: Fatto.

Il PC risulta comunque offline.

Io: (penso) oggi hanno tutti voglia di prendermi in giro? (dico) No, non sei online.
utOnto3: Ti dico che sono online.
Io: Bene, vai su Google e fai una ricerca. Dimmi il risultato.
utOnto3: Ehm...
Io: Qualcosa del tipo "impossibile trovare google.it"?

Magicamente, l'icona dell'utOnto cambia da "grigio offline" a "verde online".

Io: Gia' meglio. Ora manca solo l'hard disk.
utOnto3: E' collegato.
Io: (penso) calma, calma, pensa a qualcosa di tranquillo tipo Hellboy quando osserva il mondo distrutto dall'apocalisse nel primo film (dico) No, non e' collegato.
utOnto3: Ma...
Io: (interrompendolo) prima che tu dica qualcosa ricorda il discorso dei log di prima.

Sempre magicamente, l'hard disk viene collegato.

Io: Ok, molto meglio.

Intorno all'ottava o nona telefonata.

Io: Ciao, sono [io] di [nome ditta]. Dai log risulta che non esegui il backup da cinque mesi.
utOnto4: Eh si, mi sono sempre dimenticato.
Io: (penso) almeno lo ammette (dico) Non preoccuparti. Se mi colleghi il PC a Internet e l'hard disk al computer vedo di lanciarti un backup.
utOnto4: Ok. Due minuti e ci sono.

Due minuti dopo...

Io: Bene, lanciato. Grazie mille.
utOnto4: Posso chiederti una cosa?
Io: Dimmi.
utOnto4: L'altro giorno, visto che non l'avevo, mi sono installato un antivirus ma ora il PC mi risulta molto lento. E' normale?
Io: Chi ti ha detto che non avevi l'antivirus?
utOnto4: Non ho l'icona.
Io: Questo non significa che non hai l'antivirus.
utOnto4: Ho chiesto a [altro utOnto] e mi ha detto che noi non abbiamo l'antivirus.
Io: [altro utOnto] dice [parola poco carina]. Voi avete tutti l'antivirus altrimenti (penso) conoscendovi (dico) ci sarebbero da formattare i PC un giorno si e uno no.
utOnto4: Ti dico che non ce l'ho antivirus, fidati.

Ora, vogliamo discutere sul fatto che un utOnto dice a me, che gli ho formattato, installato e configurato il PC, "fidati"? No, meglio di no.

Io: No, tu l'antivirus ce l'hai perche' te l'ho installato io. Questo, ovviamente, a meno che tu non l'abbia rimosso senza autorizzazione.
utOnto4: (con tono arrogante) Allora dove sarebbe questo antivirus?
Io: Vai in [percorso antivirus].

Silenzio dall'altro lato della linea.

Io: Deduco che tu abbia trovato l'antivirus che non ci doveva essere. Ora che siamo tutti piu' felici cosa ne dici di rimuovere l'antivirus non autorizzato (penso) e che fra l'altro fa pure abbastanza schifo (dico) che ti sei installato?

Dai, ancora qualche telefonata e per almeno tre mesi non dovro' piu' sentire questi utOnti.

venerdì 1 luglio 2011

P come Torino

Oggi ho avuto la conferma che una particolare utOnta ha qualche problema. Mentale intendo. Le cose sono due: o quando parlo non mi sta a sentire oppure ha un grave problema neurologico. Se l'ipotesi vera fosse la seconda mi scuso pubblicamente perche' su certe cose non si scherza ma chissa' perche' ho certezza che l'ipotesi corretta sia la prima.
Suona il telefono...

Io: Buongiorno, sono [io] di [nome ditta].
utOnta: Ciao, sono [utOnta].
Io: Dimmi.
utOnta: Ho un problema.
Io: (penso) Dire anche quale sia questo problema e' troppo brutto? (dico) Sarebbe?
utOnta: Non riesco ad andare in rete, non riesco a scaricare la posta, non riesco ad andare su Internet, non riesco a collegarmi al server.
Io: Potrebbe essersi rovinata la scheda di rete. Visto che il tuo PC risulta offline dovresti farmi qualche prova.
utOnta: Certo, dimmi pure.
Io: Vai su start, esegui e digita "cmd", "Como Milano Domodossola".
utOnta: Fatto.
Io: Premuto invio?
utOnta: Ok, fatto adesso.
Io: Nella schermata nera che ti e' apparsa digita "ipconfig", "Italia Palermo Como Otranto Napoli Firenze Italia Genova" poi premi invio.
utOnta: Comando non trovato.
Io: Eh?
utOnta: Comando non trovato. Dice cosi'.
Io: Ma hai scritto ipconfig?
utOnta: ipconfig? No, ho scritto iTconfig.
Io: (penso) Neanche lo spelling serve? Siamo messi bene (dico) P di Palermo, non T di Torino.

A voler essere onesti mi sto ancora domandando come si puo' sbagliare quando una persona ti fa lo spelling ma lasciamo stare.

utOnta: Ah, no. Io stavo pensando a I di Italia.

Ve lo giuro, parole testuali.
Resto qualche secondo in silenzio mentre i miei neuroni cercano in tutti i modi di capire cosa voglia dire quella frase in relazione al problema ma dopo un po' di lavoro i due poverini (i neuroni intendo) svengono in preda al panico.

Io: Ok, ora hai scritto giusto?
utOnta: Si.
Io: Bene.

Qualche prova dopo capisco che ci deve essere un problema o alla scheda di rete o, piu' probabilmente, a livello di cavi/switch. Informo il Boss della cosa.

Io: Quindi dovrei andare da [cliente] per dare un'occhiata.
Boss: Ehm...
Io: Ehm, cosa?
Boss: Penso di sapere dov'e' il problema.
Io: Spiegati.
Boss: Sai che sabato mattina sono andato da [cliente] a fare il nuovo cablaggio? Ecco, puo' anche essere che mi sia dimenticato un cavo e magari quel cavo dimenticato e' proprio quello di [utOnta].
Io: Ok, ma per sicurezza (aka perche' conosco i miei utOnti) mi tiro dietro una scheda di rete e qualche cavo.

Pieno di belle speranze mi reco dal cliente e in effetti c'e' un cavo che necessita' di presa. Il problema e' che tutte le prese sono occupate e ne rimane solo una libera in uno slot aggiuntivo sulla destra dello switch. Non avendolo installato io non so per che cosa sia quello slot e nemmeno se ci sono delle VLAN di qualche tipo sopra quindi, per evitare di andare via di testa nel tentativo di capire cosa c'e' che non va, chiamo il Boss.

Io: C'e' il cavo ma non ci sono prese negli switch.
Boss: Come no? E' pieno!
Io: Non ci sono prese VUOTE negli switch.
Boss: Guarda meglio.

Io guardo e vedo i due switch a 48 porte con ogni singola presa occupata da un cavo. Per stare sul sicuro, nel caso in cui la mia vista sia peggiorata piu' di quello che penso, conto i cavi. 48 porte e 48 cavi, modulo esterno a parte.

Io: Qua e' tutto pieno.
Boss: Ma no, li' sulla destra, ci sono le prese libere.
Io: Vuoi dire c'e' UNA presa libera forse.
Boss: Metti il cavo li', vedrai che funziona. Ciao.

E butta giu'. Io incrocio le dita e, fortunatamente, tutto funziona correttamente ragion per cui mi reco dall'utOnta per comunicarle la lieta notizia.

Io: Il problema e' stato risolto, puoi provare se ti funziona tutto?
utOnta: Si, un attimo... ehi la posta non va!

Io mi sposto dietro l'utOnta e vedo che Outlook si sta ancora caricando e l'utOnta sta cliccando come impazzita la barra del menu'. Mi ha quasi ricordato le olimpiadi Konami.

Io: Magari se gli dai tempo di caricarsi...

Due minuti dopo, infatti, tutto funziona che e' una meraviglia. La pace, pero', e' di breve durata perche' quando esco dall'ufficio vengo fermato da un utOnto.

utOnto: Ciao, avrei una richiesta da fare.
Io: Dimmi.
utOnto: Avrei bisogno di ordinare i nomi della rubrica di Outlook per cognome anziche' per nome ma non sono in grado di farlo. Puoi guardarci tu?
Io: Si, due minuti che faccio una telefonata e arrivo.
utOnto: Ok.

Mentre l'utOnto se ne va, compongo il numero di telefono di un altro cliente e chiedo di utOnta2 che, per cinque minuti buoni, mi spiega per filo e per segno cos'e' successo al suo computer.

Io: Riavvia il PC, vedrai che si sistema.
utOnta2: Si, ok, pero' io ho cliccato sull'icona poi sul documento e mi si e' bloccato il programma quindi ho cercato di chiuderlo ma e' diventato tutto grigio e...
Io: Si, l'avevo capito anche la prima volta. Riavvia il PC.
utOnta2: Si, ok, pero' poi quando sono andata in quella cosa con tutti i nomi (volgarmente detto "task manager") il nome del programma non l'ho trovato e allora ne ho chiuso uno a caso pensando che fosse quello giusto e...
Io: Ti fermi un attimo?
utOnta2: (stizzita) Dimmi.
Io: Tre parole: riavvia il PC.
utOnta2: Ah, ok.

E anche questa e' fatta. Torno dall'utOnto di prima.

Io: Eccomi, ora sistemiamo la rubrica.
utOnto: Ah, ma tanto non era importante.
Io: (penso) e allora perche' cavolo me l'hai chiesto??? (dico) Ormai sono qui... (ri-penso) del resto non ho un [organo genitale maschile] da fare tutto il giorno.

Cinque minuti dopo anche questo utOnto e' sistemato. Raggiungo la mia postazione e mi accorgo che mi e' arrivato un ticket di intervento di un utOnto che lamenta problemi quando utilizza Word. Mentre sono in attesa di connessione, lo chiamo.

utOnto2: Si?
Io: Ciao, sono [io] di [nome ditta]. Ti chiamo per quel ticket che hai aperto.
utOnto2: Ah bene. Ci guardi adesso?
Io: Si, mi sto collegando in questo momento.

Poi, a connessione avvenuta, inizio a esaminare il problema ma, mentre sto cliccando, il mouse viene mosso dall'utOnto. Pensando che sia una cosa casuale continuo il lavoro ma il mouse si muove ancora.

Io: Ehm, non e' che potresti farmi finire prima di usare il mouse?
utOnto2: (stizzito) Io non lo sto muovendo!
Io: (penso) Seeeeee, certo, mi saro' fatto di LSD senza saperlo (dico) Si, ok, pero' ora lascia fare a me.

Dopo qualche minuto il problema e' risolto. Torno in azienda, appoggio la borsa accanto alla scrivania e decido di prendermi un caffe'.

DRIIIIIIIINNN!!!!!!!!

Io (penso) No, niente caffe' (dico) buongiorno, sono [io] di [nome ditta].
utOnto3: Ciao, sono [utOnto3]. C'e' [Boss]?
Io: In questo momento e' impegnato sull'altra linea telefonica, posso aiutarti io?
utOnto3: Umh, non saprei, avrei bisogno proprio di [Boss].
Io: Se vuoi posso lasciargli un messaggio da parte tua.
utOnto3: Ok, digli allora che "reinstallando e' ripartito tutto normalmente".
Io: Tutto qui?
utOnto3: Si, perche'?
Io: Niente, lascia stare. Riferiro'.
utOnto3: Ah, digli di richiamarmi, mi raccomando.
Io: Scusa se te lo chiedo ma il problema e' stato risolto, giusto?
utOnto3: Si, pero' mi farebbe piacere parlare con [Boss].
Io: (penso) Eh si, tanto neanche lui ha un [attributo maschile] da fare tutto il giorno (dico) Riferiro'.

Finita la telefonata del Boss, vado a riferire l'arcano messaggio.

Io: Ha chiamato [utOnto3]. Dice che "reinstallando e' ripartito tutto normalmente".
Boss: Bene.
Io: Ha chiesto se lo chiami.
Boss: Ma il problema non e' stato risolto?
Io: Si.
Boss: E perche' lo dovrei richiamare visto che eravamo rimasti che se andava tutto bene non stavamo a chiamarci ancora?
Io: E che ne so io, ti vorra' particolarmente bene.

Il Boss ha sbuffato e si e' chiuso nell'ufficio. Ho come la sensazione che utOnto3 non gli stia particolarmente simpatico...