venerdì 2 novembre 2012

Leggere fa male alla salute

Non mi riferisco al fatto che gli italiani leggono sempre meno ma al fatto che alcuni utOnti non leggono affatto le mail che mando, neppure se contengono informazioni utili e richieste da loro.
E' un tranquillo lunedi' di inizio febbraio quando squilla il mio telefono.

Io: Buongiorno, sono [io] di [nome ditta].
utOnto: Ciao, sono [utOnto].
Io: Ciao, dimmi.
utOnto: Beh... ehm... vedi...

Ecco, ha fatto una cavolata. Una di quelle grosse.

Io: Cos'hai fatto?
utOnto: Mi sa che il mio PC si e' preso un virus.
Io: Un altro?!?

Per capire la mia risposta dovete sapere che questo utOnto e' l'unico, in un'azienda di un centinaio di persone, a cui abbiamo tolto i diritti di amministrazione del suo PC (dietro richiesta del mega-direttore-ereditario) perche' nel giro di una settimana gli abbiamo dovuto formattare il computer due volte a causa dei virus che si era preso. Questo tizio, inoltre, ha installato Avira professional che si aggiorna ogni 24 ore e su cui non puo' metterci le mani perche' l'abbiamo bloccato con una password.

Io: Mi dici come fai?
utOnto: Cioe'?
Io: Lascia perdere. Vedo di collegarmi da remoto.
utOnto: Forse troverai questa operazione un po' difficoltosa.
Io: Perche'?
utOnto: Io la chiavetta di connessione l'ho inserita ma non vedo le icone sul monitor e nemmeno la barra in basso. Vedo solo una finestra bianca per tutto lo schermo.
Io: (penso) Odino, fai qualcosa contro questo tizio. Qualunque cosa (dico) Ora provo comunque.

Il PC risulta online ma sfortunatamente quando mi collego vedo questa dannatissima pagina bianca e non ho modo di fare niente.

Io: Temo che ci dovro' mettere le mani di persona.
utOnto: Quando potresti farlo?
Io: Non ho modo di venire dalle tue parti ma se lo porti in ufficio da noi posso guardarci fra un lavoro e l'altro.
utOnto: Ok, venerdi' vedo di portarlo ma avrei bisogno che fosse fatto entro la giornata.
Io: Va bene ma che sia venerdi' in PRIMISSIMA mattina, tipo alle nove al massimo, e non alle cinque del pomeriggio.
utOnto: Tranquillo.

Tranquillo, come sapete se seguite questo blog da un po', e' morto in un modo molto poco gradevole e suo fratello e' ancora in galera, come diceva un tizio che conoscevo anni fa.
La vita scorre tranquilla, si fa per dire, finche' non arriva mercoledi' quando ricevo la seguente mail all'utOnto Tecnico che ogni tanto "segue" gli utOnti dell'azienda (il che significa che provoca piu' danni che soluzioni).

******************************
From: utOnto Tecnico
To: Io
Subject: Computer di [utOnto]
Body: Ciao, avro' il computer di [utOnto] a disposizione gia' da giovedi'. Quando puoi venirlo a prendere?
******************************

Inizio a pensare che gli utOnti fra loro non si riescano a capire. Parlano lingue identiche ma i loro cervelli interpretano i messaggi in arrivo ognuno a modo suo.

******************************
From: Io
To: utOnto Tecnico
Subject: Re: Computer di [utOnto]
Body: Ciao, ero rimasto d'accordo con [utOnto] che il computer me l'avrebbe portato lui perche' io non ho modo di venire da voi questa settimana. Riuscite a portarcelo o preferite rimandare l'intervento? Attendo tue notizie.
******************************

Poco dopo, mi arriva la seguente mail.

******************************
From: utOnto Tecnico
To: Io
Subject: Re: Re: Computer di [utOnto]
Body: Te lo porto io giovedi'.
******************************

Ora, qualunque essere umano dotato di almeno due neuroni che ogni tanto, per sbaglio, si incontrano (come il sottoscritto), leggendo la mail qua sopra penserebbe che utOnto Tecnico giovedi' avrebbe portato a noi il computer in questione.
Figurarsi.
Giovedi' mattina mi appare un messaggio di chat interna da parte di una collega.

Collega: Senti ma [utOnto Tecnico] e' stordito di suo o semplicemente non legge assolutamente quello che gli scrivi?
Io: Cioe'?
Collega: Gli avevi scritto di portare il PC qui da noi, giusto?
Io: Si, esatto.
Collega: Beh, lui ha chiamato e ha letto la tua mail mentre parlava con me. La telefonata si e' conclusa con lui che diceva "[io] ha detto di portarlo da voi. Allora ve lo devo portare?".
Io: E tu?
Collega: Gli ho detto che in genere non scrivi così, per hobby.
Io: Non ho parole. Senti, fammi una cortesia, se lo vedi arrivare potresti insultarlo da parte mia?
Collega: Certamente.
Io: Grazie.

Perche' una persona scrive "te lo porto giovedi'" e poi, giovedi', domanda se lo deve portare? Che si resetti la memoria durante la notte? Altrimenti, sinceramente, non ho spiegazioni.

16 commenti:

  1. Ogni tanto, leggendoti, mi vengono alcuni dubbi.
    Mi confermi che non sei un mio collega e che non stai lavorando in Serbia per gestire il sistema informatico (scusami se sto scoppiando a ridere mentre scrivo "gestire il sistema informatico" in questa circostanza) di una nota fabbrichetta alla periferia sud di Torino di mezzi semoventi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusami, mi rispondo da solo: proprio il fatto che tu gestisci sistemi informatici mi conferma che non sei un mio collega, e contemporaneamente mi conferma che non li gestisci per la suddetta fabbrichetta.
      Resta il dubbio sul fatto che lavori con dei Serbi... :P

      Elimina
    2. Chissà perché, ho l'impressione che i sistemi serbi torneranno ad essere gestiti presso ${Antica_Capitale_Sabauda} abbastanza presto...

      Elimina
    3. Non è che siano i famigerati «mammalucchi iugoslavi» di cui abbiam letto ripetutamente su un sito che si vede «con IE5 dentro Windows 3.1»?

      Elimina
    4. @ lukasbrunner: in effetti stanno accrocchiando tutto proprio per rimandare la gestione alla ${Casa_Madre}

      @ Astro: probabilmente tra costoro ci sara' anche qualcuno di quelli di cui parlava BigD, in fondo questo e' uno strano piccolo mondo con sempre le stesse persone, ovunque!

      Elimina
    5. Serbi, ticinesi, Carinziani, bergamaschi...

      Non ultima, noTREbook di cl di nota $ocietà inforNatica del Mendrisiotto.

      Cl: Ti porto il noTREbook lunedì.

      P.s. noTREbook morto. NON si accende.

      Io. ok.

      NoTREbook arriva mercoledì.

      Io: Manondoveviportarmelolunedì???
      Cl: E no, mi serviva martedì.
      Io: Come fermacarte?

      Elimina
  2. Ho alcune domande:
    1) Come fa a prendersi dei virus con un account con diritti limitati e avira in funzione? :-O
    2) Perché l'azienda in questione permette agli uTonti di girare con un account di tipo amministratore? Non è che si chiama $aziendaDiUtonti ? :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1) Day 0 exploit O plain old bad luck E tanto "impegno" da parte dell'utOnto...
      2) Perchè fa meno danni un utEnte con diritti di amministratore che un utOnto con diritti limitati.
      Che anche su un sistema perfettamente protetto dai malware avrà sempre come minimo il diritto di distruggersi tutti i suoi file e abboccare a tutti gli scam dando tanto di numero di carta di credito...
      Perchè poi con la crisi di lavoro che c'è gli utOnti debbano avvicinarsi ad una tastiera invece che lasciare posto a persone più capaci, questo si che è un mistero!

      Elimina
  3. Secondo me sperava in un mutamento delle congiunzioni astrali - traduzione: sperava che, presi per sfinimento, andaste voi da loro a prendervi il computer col virus.

    RispondiElimina
  4. Quello che è veramente incomprensibile è come le aziende continuino a basare i loro sistemi informatici su un OS così vulnerabile come Windows, quando ci sarebbero almeno due alternative valide...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbiamo visto la presunta invulnerabilità dei derivati *x quanto presto è andata a farsi benedire quando sono sbarcati su sistemi mainstream costruiti su misura di utonti.
      Ben diverso è il discorso su macchine server, gestite da pesonale che sa quel che fa, senza inutili orpelli utonteschi, e assolutamente disomogenee tra di loro "grazie" alla modularità di tali sistemi... fattori che li hanno condannati a non avere successo lato utente a differenza dei loro parenti che hanno accettato tali compromessi.

      Elimina
  5. @Evk : nonostante sia anni luce lungi da me difendere Windows va detto ad onor del vero che qualsiasi sistema operativo se mal configurato puo' diventare una ecatombe. Certo, l' architettura del mondo *nix lo rende piu' difficile, ma non per questo impossibile :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rammento che il mio primo "disastro informatico" l'ho fatto proprio su un sistema UNIX su cui avevo un account utente limitatissimo, e su cui stavo eseguendo operazioni normalissime e perfettamente lecite, ma nel giro di pochi istanti nessun altro ha piu' potuto eseguire niente su quel sistema e l'amministratore del sistema ha dovuto procedere drasticamente per fermare quello che stavo facendo, staccando la spina dell'unita' centrale.
      In ogni caso, nessuno e' mai riuscito a capire cosa diavolo era successo, nemmeno io...

      Elimina
  6. Sono quasi sicuro che fosse un rootkit, ZeroAccess.
    Ci ho preso?

    RispondiElimina
  7. PEBKAC
    e l'unica soluzione e' il trapianto ma la moderna medicina non e' ancora in grado di farlo.
    @Evk la questione e' che il 99.5% degli applicativi che si usano sono per windows uno per tutti in un azienda di progettazione qualsiasi suite di autodesk. Vero che in teoria altri applicativi sono in grado di leggere il formato proprietario ma appunto in teoria qualcosa va sempre a $donnine_allegre, te lo dico concertezza perche' da noi abbastanza ciclicamente tentiamo di svincolarci ma e' sempre una sconfitta.
    Il resto idem, a grandi linee, inoltre immaginati anche ammesso e non concesso che delle valide (e intendo non un valore 80-90% dico proprio buone del tutto) alternative esistano il convertire diciamo 25 o 30 anni di archivi vari & assortiti...
    Conosco dei modi piu' divertenti di farsi molto male...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo dico sempre, la crocfissione dei cl in sala mensa è la soluzione di tutti i mali dell'informatica aziendale.

      Elimina