lunedì 28 gennaio 2013

Perche'

Avete presente quelle fasi della vita durante le quali un bambino chiede "perche'" a tutto?
Q: Perche' il tavolo e' giallo?
A: Perche' qualcuno lo ha colorato.
Q: Perche' qualcuno lo ha colorato?
A: Perche' pensava che fosse piu' bello.
Q: Perche' pensava fosse piu' bello?
A: Zitto e mangia.
Ecco, a me e' capitata la stessa cosa oggi solamente che al posto del bambino avevo lo st(R)agista e al posto del colore del tavolo avevo il router.
Intendiamoci, non ho nulla contro chi e' curioso e, anzi, preferisco uno cosi' piuttosto che un'ameba incapace di pensiero ma a un certo punto scatta il RTFM e via che si va.
Sono in riunione con il Boss quando mi viene detta una cosa che mi fa gelare il sangue nelle vene.

Boss: Oggi quando andrai a fare l'installazione da [cliente], tirati dietro lo st(R)agista e spiegagli come funziona l'installazione di un router.
Io: (penso) AAAAARRRRGGGGGHHHHHH!!! (dico) Ok.

Cosi' pieno di (sarcasmo) belle speranze (/sarcasmo) vado dal cliente tirando dietro la palla al... lo st(R)agista. Arriviamo in sala macchine, ci piazziamo e io inizio a lavorare. Lo strano silenzio dello st(R)agista non mi fa pensare a nulla di buono.

st(R)agista: Senti ma se ho un router a cosa serve un firewall?

Guardo lo st(R)agista, sospiro e mi metto a spiegare (sarcasmo) con tanta gioia e amore (/sarcasmo) la differenza fra router e firewall. Finita la veloce spiegazione, mi rimetto a lavorare ma dopo sette secondi contati...

st(R)agista: E  se io ho un router a cui e' collegato un firewall, cosa fa esattamente il router visto che ha solo il firewall collegato?

Seriamente, DEVO aver fatto qualcosa di male nella mia vita passata.
Riguardo lo st(R)agista e mi rimetto a spiegare per quale cavolo di motivo un router e' diverso da un firewall, nome a parte.

st(R)agista: Ma se tutti i pacchetti che riceve il firewall vanno al router, da li' dove vanno? Da qualche parte su Internet?
Io: No, vanno a casa del mago Zurli'.
st(R)agita: Come scusa?
Io: (alzando gli occhi al cielo) Niente, ora ti spiego.

E giu' di nuovo a spiegare. Purtroppo, il silenzio che segue e' di breve durata.

st(R)agista: Ma se l'interfaccia esterna del firewall va a 100Mb e la connessione alla LAN e' di 1 GB, i dati che non passano vanno persi nel mezzo?
Io: Certo, e' una gara di velocita'. Il primo che arriva riesce a ricevere i dati, gli altri devono riprovare e forse saranno piu' fortunati.

Attimo di silenzio.

st(R)agista: Ma dici davvero?

Ma se lo sigillo in un rack dite che e' un gran problema per l'umanita'?

Io: No, ovviamente.

E giu' a spiegare. Passano due, forse tre secondi scarsi di silenzio, poi lo st(R)agista ritorna all'attacco.

st(R)agista: Ma se io ho due reti, 192.168.0.0/24 e 192.168.1.0/24 connesse a un firewall, i pacchetti fra queste due reti arrivano al firewall poi il firewall manda tutto al router che spedisce su Internet. A questo punto i pacchetti tornano indietro e vanno all'altra interfaccia. O forse non ho capito bene.
Io: RTFM.
st(R)agista: Come?
Io: Cerca su Internet, vedrai che trovi la definizione di quella parola.
st(R)agista: Ok, grazie!

Beata, ingenua gioventu'. :)

9 commenti:

  1. Stanco dunque cinico28 gennaio 2013 08:41

    Io penso di far parte della beata, ingenua gioventu': continuo infatti a pensare che se hanno preso uno st(R)agista, questi debba imparare qualcosa, ma abbia delle basi non dico solide, ma almeno galleggianti...

    Buon inizio di settimana, BitMover

    RispondiElimina
  2. Rimango sempre spiazzato da come certe creature non riescano a cogliere il sarcasmo.
    Ti prego però, dimmi che lo st(r)agista ha meno di 16 anni!

    RispondiElimina
  3. Networking, questo sconosciuto... La prossima volta buttaci dentro anche un cluster, e lo st(r)agista andrà in kernel panic.

    RispondiElimina
  4. Ed io che sono preoccupato di non saperne abbastanza di reti.......
    Non ho studiato praticamente nulla di reti ma zio billy non servirà mica un corso per sapere cos'è un firewall e cos'è un router! o.O
    Noto che si riesce a trovare lavoro pur non sapendo un

    RispondiElimina
  5. Povero, pooooovero st(r)agista che non conosce il termine RTFM!
    La prossima volta chiedigli di leggersi **TUTTI** gli appunti di informatica libera di Daniele Giacomini... l'ultima volta che ho controllato aveva ampiamente passato il migliaio di pagine, così te lo levi per un po'...

    RispondiElimina
  6. Ma è quello che ci ha impiegato due settimane per fare cento metri?????

    RispondiElimina
  7. Ho come la sensazione di conoscere questa storia...
    Secondo me continua così: vuole imparare per corrispondenza a progettare, allora si legge in 4 ore un libro del tipo "come diventare progettista in 10 minuti", aspetta che il responsabile del cantiere sia in Italia e ti blocca ogni volta con richieste che stanno ancor prima dell'ABC, perchè non ha mai capito un piffero degli impianti che sta realizzando... peraltro il tutto in serbinglese perchè non parla italiano... ;)
    ...o forse sto facendo confusione con qualche mio collega locale attuale?

    RispondiElimina
  8. Siccome e' uno stagista (pertanto presumo giovane ed inesperto) mi viene un dubbio: qualcuno gli ha mai spiegato queste cose? Il piu' grosso problema che ho io nell'apprendere un nuovo argomento e' l'inizio e mi fa comodo avere qualcuno che mi spieghi le basi, poi approfondisco per conto mio. Con i miei apprendisti/stagisti gli ho sempre spiegato le basi (a sommi capi) poi gli ho dato da leggersi qualche bel manualone (non quelli che trovi in internet ma quelli dei corsi) e poi ho fatto un secondo giro di domande/risposte. A quel punto puoi giudicare se uno ha voglia di imparare (e lo vedi perche si documenta/cerca/fa/disfa...) oppure no.

    RispondiElimina
  9. ah haaa, ce l'ho anch io l'apprendista stregone di 20anni... è uno spasso!!! la cosa più oscura per ora son proprio le reti... non gli vogliono entrare in testa!

    ad.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.