lunedì 7 dicembre 2009

Il malefico programma

Giornata relativamente tranquilla in ufficio. Pochi utOnti che scassano, lavori che finisco, altri che iniziano. Fra quelli da iniziare marcati come "urgenti" o addirittura "per ieri" c'e' anche il test di un software per monitorare gli accessi degli amministratori in una LAN.
Dopo aver installato l'affare, procedo al lancio e alla configurazione.

Programma: Prego, inserire i dati del database cosi' ci monto sopra le mie porcate.
Io: [localhost], [username], [password]
Programma: EEEEEKKKKK! Non posso trovare la connessione all'host remoto. Verificare i parametri.
Io: Quale [parola poco carina] host remoto? Localhost sei tu, imbecille! [IP del localhost], [username], [password]
Programma: EEEEEKKKKK! Non posso trovare la connessione all'host remoto. Verificare i parametri.
Io: Ma [parola davvero poco carina]. [IP di loopback], [username], [password]
Programma: EEEEEKKKKK! Non posso trovare la connessione all'host remoto. Verificare i parametri.
Io: [CENSORED]. Ok, calma, forse e' perche' vuole un'installazione di quel [parola non proprio carina] di SQL Server su una macchina diversa.

Installa SQL Server 2005 express su un'altra macchina, rilancia l'applicazione di prima...

Programma: Prego, inserire i dati del database cosi' ci monto sopra le mie porcate.
Io: [remote host], [username], [password]
Programma: EEEEEKKKKK! Non posso trovare la connessione all'host remoto. Verificare i parametri.
Io: ... Hai voglia di rompere? [IP del remote host], [username], [password]
Programma: EEEEEKKKKK! Non posso trovare la connessione all'host remoto. Verificare i parametri.
Io: Una tanica di benzina? Umh, no, troppo fumo. Un bel virus disattivando prima l'antivirus? Umh, forse... prima pero' un tentativo [remote host\nome del SQL], [username], [password]
Programma: Grazie per i parametri, procedo alla configurazione.
Io: Alleluja!

Finito di installare il (sarcasmo) grandioso (/sarcasmo) programma lancio l'installazione del Report Manager da un eseguibile a parte.

Report Manager: Prego, inserire i dati del database cosi' ci monto sopra le mie porcate.
Io: Ucci, ucci, questa non mi e' nuova. [remote host\nome del SQL], [username], [password]
RM: EEEEEKKKKK! Non posso trovare la connessione all'host remoto. Verificare i parametri.
Io: Ma [CENSORED] di quella [CENSORED].

Lancio di nuovo il programma base, entro nella parte della reportistica e scopro un pulsante con su scritto "premi per scaricare e installare automaticamente il report manager".
Sara' mica cosi' stronzo?
Clicco e magicamente si installa tutto e questa volta becca pure i parametri di collegamento al database. Cosi' mi metto a giocare un po' con le customizzazioni dei report per scoprire che fanno veramente [parola molto poco carina].
Sara' solamente l'help offline?
Seeeeeeee.
Anche quello online e' messo piu' o meno uguale.
Vabbeh, andiamo di Wireshark e tanti saluti. Qualche minuto dopo ho i report degli amministratori nei domini Microsoft e l'accesso root nei sistemi linux/unix. Resta solamente da configurare il syslog nei router/switch/access point wireless e il gioco e' fatto.
Setto i parametri, verifico da altre configurazioni gia' fatte che tutto sia corretto, riverifico per essere sicuro di non aver scritto cazzate e lancio.
Il conteggio dei pacchetti nel programma dai vari router/switch/access point wireless resta biecamente a zero.

Io: Ma figlio di una buona donna (si, ok, non era proprio cosi' ma ci siamo capiti).

Riverifico la configurazione confrontando riga per riga (4 in totale) i comandi del syslog sotto Cisco. Verifico un'altra volta e pure una terza. Controllo che il firewall faccia passare tutto correttamente. Lancio l'applicazione e il conteggio resta a zero.

Io: Acciderbolina (ci siamo capiti, vero?)

Lancio il Wireshark sul server del database per capire almeno se i pacchetti arrivano e scopro con orrore che quei [parola sinceramente da non pronunciare in pubblico] di pacchetti arrivano correttamente.
A questo punto, indeciso se dare fuoco al server o al mio pc, butto un occhio all'orario e capisco che e' ora di andarsene a casa. Il maledetto ha vinto la prima battaglia ma vedremo chi vincera' la guerra.

2 commenti: