venerdì 11 marzo 2011

Il ritorno dell'orinario

Eh si, purtroppo sono tornato a parlare del (sarcasmo) fantastico (/sarcasmo) programma chiamato affettuosamente, vista la bellezza e la praticita', "orinario". Io continuo a domandare al Boss perche' non usiamo altre cose ma tutte le volte l'unica risposta che ottengo e' perche' "non si puo'" quindi ci teniamo questa [roba fetida marrone] e andiamo avanti.
Alle 9, minuto piu' minuto meno, arriva un ticket di intervento che riporto tale e quale:

********************************************
From: utOnto Capo
E' da ieri sera alle 19 che abbiamo problemi di navigazione. Ogni volta che apriamo una pagina web ci viene restituito il messaggio del programma [orinario]. Potete intervenire al piu' presto?
********************************************

Non faccio in tempo a finire di leggere questo ticket che squilla il telefono.

Io: Buongiorno, sono [io] di [nome ditta].
Super Mega Boss: Sono [SMB], passami [Boss].
Io: Subito.

Passa qualche minuto e il mio Boss viene fuori dal suo ufficio sull'incazzoso andante.

Io: Che accade?
Boss: Accade che quel programma di [roba fetida marrone] mi ha rotto i [attributi maschili]. Ora mi sentono.

E, dopo un caffe', ritorna nel suo loculo a inviare una mail parecchio arrabbiata ai fornitori del suddetto orinario. Fatto questo torna alla mia scrivania e mi chiede di contattare i programmatori e dirgli di sbrigarsi. Prima, pero', decidiamo che e' il caso di sbloccare la navigazione eliminando il proxy tramite le policy di dominio (anche perche' fra tutti ci eravamo un po' rotti gli attributi di ricevere ticket tipo "non va internet", "non funziona la rete", "non mi collego ai miei siti porno preferiti").
A questo punto inizia la fase "divertente" (non prendetemi alla lettera please) della giornata. Sono stato quattro ore a chiacchierare, testare, verificare e segnalare tutto quello che accadeva e, alle sei e mezza della sera, ben oltre il mio orario standard di chiusura cervello, siamo giunti alle seguenti conclusioni:
  1. Prima non navigavano solo alcuni reparti. Ora non naviga piu' nessuno;
  2. Gli utOnti sembrano essere bloccati anche se non si capisce perche' visto che abbiamo disattivato il gruppo degli utOnti a cui e' negata la navigazione;
  3. Non c'e' modo di ritornare indietro (backup delle regole, punti di salvataggio e simili assolutamente e totalmente sconosciuti ai programmatori).
Ragion per cui io me ne vado a casa con la promessa, da parte del team di sviluppo, che ci avrebbero lavorato anche di notte pur di risolvere il problema.
AHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH... Ehm...

Il giorno seguente alle 8:30...

Boss: Non funziona ancora un [organo genitale maschile]! Chiama [fornitore] e fatti sentire! Devono risolvere subito!
Io: Ok.

Chiamo, faccio la voce un po' grossa, attendo, provo, testo, verifico. Dopo un'ora i geniali programmatori riescono a capire dove sta il problema. Capire, non sistemare. Il difetto e' nel database del proxy che ha imputtanato dopo un aggiornamento le tabelle e ora tutti gli utOnti finiscono nell'elenco "bloccati".
Se anche voi avete pensato "ma provare gli aggiornamenti in un ambiente di test prima di rilasciarli?" siete in buona compagnia ma non c'e' bisogno che vi dica che non c'e' risposta a una domanda simile. Parlo di una risposta intelligente, ovviamente.
Verso l'una il caso sembra essere risolto perche', al telefono con uno dei programmatori, dopo l'ennesima prova scopro che, con il proxy attivato, riesco a navigare.

Io: Ok, ora sembra funzionare tutto.
utOnto Programmatore: Meno male. Allora possiamo considerare chiuso il caso?
Io: Si, direi di si.
uP: Va bene, ci sentiamo.

Riferisco la cosa al Boss che, giustamente, mi fa notare una cosa.

Boss: Hai verificato che gli utenti bloccati siano effettivamente bloccati?
Io: Beh visto che tutti prima erano impossibilitati a navigare mi sembrerebbe strano che avessero abilitato tutt...

Non finisco neanche la frase che il mio neurone si mette in moto. Vado in postazione, faccio un rapido controllo e scopro magicamente che gli utOnti bloccati sono assolutamente liberi di fare quello che vogliono in giro per la Rete. Ri-acchiappo il telefono e chiamo i programmatori.

Io: Ciao, hai gia' chiuso il ticket?
uP: Lo stavo facendo ora, perche'?
Io: C'e' un problema.
uP: (sconsolato) Di che tipo?
Io: Gli utO... ehm, gli utenti bloccati ora sono sbloccati.
uP: Non e' possibile.

E gia' quando mi dicono "non e' possibile" senza neanche avere provato mi viene il nervoso.

Io: Se vuoi provare tu sei libero di farlo, le credenziali di accesso le hai mi sembra.
uP: Ok, aspetta un attimo che... ma porca...
Io: Che ti dicevo?
uP: Analizziamo il problema. Ti faccio sapere al piu' presto.

Al momento in cui scrivo, e non sto scherzando, sono passati dieci (10) giorni e ancora non ho sentito nessuno nonostante una volta al giorno faccio una telefonata per avere novita'. Ho come la sensazione che per questo problema ci sara' ancora una luuuuuuuuuunga attesa.

6 commenti:

  1. Purtroppo ho avuto modo di constatare come per certe software(dog)house il concetto di qualità è
    - il reparto IT del cliente sbraita: va tutto benone!
    - il direttore generale del cliente minaccia querela: va tutto benone!
    - il cliente ci porta in tribunale: va tutto benone!
    - il giudice da ragione al cliente: va tutto benone, dobbiamo solo trovare un'altro cliente più stupido / con standard più bassi / più disperato!

    RispondiElimina
  2. Huum ambiente di test?Ma sei matto sai quanto costa???? O_o Meglio rilasciare gli aggiornamenti ad-casum e poi eventualmente controllare tanto /sarcasmo_on chi paga (forse) è il cliente per la risoluzione /sarcasmo_off
    In ogni caso cambiare fa molto brutto??

    Buon week end a tutti

    RispondiElimina
  3. Il problema, a mio modestissimo avviso, è che questa gente ci marcia sull'assistenza: fanno un software che fa cagare e che vendono a poco (ecco perché i BOSS lo comprano come il pane, pensando "Guarda quanto sono furbo: l'ho pagato di meno di $altro_prodotto_che_costa_di_più"); peccato che poi tra disservizi, bugfix, interventi vari venga a costare più del doppio...

    RispondiElimina
  4. @Anonimo: Dimentichi "il proprio reparto IT sbraita? Oh, sempre a lamentarsi quelli!" ;)

    @Gabriele: No, purtroppo l'opzione "abbandonare il software" non e' contemplata. Purtroppo.

    @Daniele C.: Guarda, per le scelte che ha fatto fino a questo momento, sul mio Boss non ho niente da dire. Come ho gia' scritto altrove e' un tecnico con una cariola di certificazioni quindi sa di cosa sta parlando. In questo caso non so dire cosa sia successo, forse ha scelto questo prodotto quando aveva la febbre. :D

    RispondiElimina
  5. > sul mio Boss non ho niente da dire. Come ho gia' scritto altrove e' un tecnico con una cariola di certificazioni
    Guarda, anche il mio Boss non è tipo da fare colpi di testa e ragiona prima di comperare, ma anche lui come tutti i Boss è affetto dal morbo del PHB.

    http://en.wikipedia.org/wiki/Pointy-haired_Boss

    > forse ha scelto questo prodotto quando aveva la febbre
    O l'ha scelto in un momento in cui era particolarmente affetto da PHBite...

    RispondiElimina
  6. @Daniele C.: Umh... non avevo pensato al morbo del PHB. Bisognera' fargli qualche esame. ;)

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.