lunedì 21 maggio 2012

Un monitor davvero simpatico

Sono parecchi anni che traffico con la tecnologia informatica ma certe volte non riesco proprio a dare una spiegazione a quello che accade se non tirando in ballo magia e stregoneria.
Oggi pomeriggio, mi arriva un messaggio di errore dalla console di gestione centralizzata di Avira installata presso un nostro cliente. Dopo un'analisi dei log, scopro che banalmente serve riavviare il PC che ha generato questo errore per risolvere il problema. Non potendolo riavviare da remoto a causa della password impostata nel BIOS e visto che domani saro' proprio da quel cliente, decido di approfittarne e posticipare l'operazione.
Il giorno dopo, prima di iniziare a fare i lavoro programmati, vado nella stanza del PC e mi preparo al riavvio ma il monitor non vuole saperne di accendersi.
Controllo il cavo di connessione al PC, controllo la presa elettrica, verifico ogni cosa verificabile. Niente da fare, non c'e' modo di accenderlo.

Io: (penso) Bon, monitor andato. Dopo vedo di portarne su uno nuovo.

Trascorro la mattinata a sistemare altre cose e, quando concludo i lavori, afferro un nuovo monitor e torno nuovamente nella stanza del PC.
Sto per sostituirlo quando, non so nemmeno io perche', penso "ma si, proviamo un'altra volta".
Tocco il pulsante dell'accensione e al primo tentativo senza dare il minimo segno di problema si accende che e' una bellezza. Tanto per stare sul sicuro, lo spengo e riaccendo ancora. Zero problemi. Per togliermi un altro dubbio, stacco tutte le prese, le ricollego e riaccendo. Va che e' un fulmine.

Io: Ma va che sei stronzo.

Me lo vedo il monitor a sghignazzare mentre riporto il sostituto nel magazzino (grossa azienda, capannone industriale, magazzino ovviamente dalla parte opposta rispetto a quella stanza).
Avete qualche spiegazione SCIENTIFICA da darmi? Io al momento non ne ho trovate...

17 commenti:

  1. L'unica cosa che posso anche solo ipotizzare (è pur sempre lunedì mattina ed ho dovuto spendere gran parte della mia forza di volontà per alzarmi dal letto) è legata qualche carica residua nei condensatori dell'alimentazione che hanno mandato in blocco il bastardo fino ad una completa scarica.
    Se non è quello è chiaramente colpa di un Gremlin. :P

    Gama

    RispondiElimina
  2. Se quando tornavi su non funzionava di nuovo, il gremlin era sicuro! XD

    RispondiElimina
  3. Qualche anno fa avevo un vecchio PC, affettuosamente soprannominato "il catorcio"; ogni tanto si piantava e l'unico modo per farlo riprendere era quello di cominciare a urlare "ca**o, ca**o, ca**o, ca**o!". Non ho mai tentato di spiegarmi la cosa.

    RispondiElimina
  4. A me capitava che su sbalzi di tensione l'alimentatore del PC andasse in protezione e finche' non toglievi l'alimentazione per 30 " e la riattaccavi non c'era verso di farlo ripartire

    RispondiElimina
  5. L'unica ragione è: "MURPHY AVEVA FOTT#####NTE RAGIONE!", scommetto che se il magazzino con i ricambi era nella stessa stanza il monitor non avrebbe avuto problemi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Papà Murphy era stata la mia prima ipotesi, in effetti.

      Che è un po' generica, però. Vera, ma generica.

      Elimina
  6. Si io. Dopo la scarsa qualità dei condnsatori elettrolitici, c'è quella dei condensatori poliesteri. Quando si scaldano (putroppo [1]) non esplodono ma pardono le loro caratteristiche, indi lo switching interno non parte. Basta farli raffreddare e ripartono.

    [1] putroppo perchè così per trovarli diventi matto fra riscaldare e raffreddare la piasta da riparare.


    ~

    RispondiElimina
  7. Io ho una stampante in casa che ho installato. Tutto funziona da dio. Il giorno dopo non viene più riconosciuta come stampante, ma come dispositivo output generico. Stacca la spina, cerca sul forum della Hp, nulla. Ultima prova, disinstallo e reinstallo la stampante. Funziona tutto. Ancora mi domando cosa sia successo.

    RispondiElimina
  8. Mhhhh ..... Sono vivi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia collega Utonta sarebbe d'accordo con te

      Elimina
  9. una volta mi son fatto 150km e altrettanti per il ritorno, per sotituire un router di una vpn, una volta arrivato lì l'ho staccato e dopo un pò ha funzionato di nuovo, ed è ancora là. e dire che i cisco 881 hanno l'interruttore prima dell'alimentatore, quindi anche spengendo l'interruttore è come staccarlo dalla corrente. sono i misteri dell'informatica... invece se era successo di venerdì sera era stato murphy di sicuro.
    bye
    ad.

    RispondiElimina
  10. @Gama: Puo' essere. Io continuo a pensare che fosse semplicemente stronzo di suo, pero'. :P

    @Davide: Avrei preferito un fantasma, almeno potevo finalmente testare il mio zaino protonico. ;)

    @JaneDoe: Hai fatto bene a non tentare di spiegarti la cosa. :D

    @Bosk: Nel mio caso l'ho tolta anche se non per trenta secondi ma la situazione era rimasta identica. Mah...

    @Daniele C.: Lo penso anch'io. :D

    @Anonimo: Sfortunatamente quel monitor era spento dal giorno prima quindi presumo fosse abbastanza "freddo". :)

    @lufo88: Io ho smesso di domandarmi il perche' di queste cose, salvaguardo la mia sanita' mentale. ;)

    @Anonimo: Questa e' l'opzione "B" in effetti. :D

    @ad: Concordo, misteri dell'informatica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spento non è sinomino di "staccato dalla rete elettrica" MA solo in standby sui rami di alimentazione principali, percui la circuiteria di controllo switching è alimentata comunque.

      La componentistica scadente fa il resto.

      :-p :-p :-p


      ~

      Elimina
  11. Arrivo tardi, ma sono indietro con la lettura dei miei blog preferiti. Propongo la mia ipotesi e relativa spiegazione.

    All'interno di un monitor, come già è stato scritto, c'è un alimentatore switching. In fase di accensione, questo genere di alimentatori, preleva dalla rete a 230V (per un breve istante) una piccola corrente con la quale caricano un condensatore elettrolitico da poche decine di uF.
    Quando la tensione ai capi di questo condensatore supera una certa soglia, il circuito integrato di controllo si attiva e l'alimentatore inizia il normale funzionamento.
    Però, se la carica immagazzinata nel condensatore non è sufficiente il circuito integrato non riesce ad attivare l'uscita e l'alimentatore fallisce l'accensione (come un auto con la batteria scarica).
    Dopo un po' di tentativi l'elettrolita del condensatore si riattiva (parzialmente) e riesce ad accumulare la carica sufficiente per attivare la circuiteria interna dell'alimentatore.
    Quanto scritto vale per il passaggio da OFF a ON, mentre da Stand-By a ON è molto simile.

    PS: Mi rendo conto che, per chi non è ferrato in elettronica, tutto questo sia ostrogoto, ma più semplice di così non riesco a spiegarlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie (a tutti) per la spiegazione dell'elettronica di un monitor. Questo non toglie che un po' stronzo di suo lo era quel monitor. ;)

      Elimina
  12. per me quando ti ha visto arrivare col sostituto si è spaventato, avrà avuto paura di finire in discarica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho avuto il pensiero di buttarlo ugualmente in discarica. ;)

      Elimina