giovedì 29 settembre 2011

Storielle

Quelle che pubblico non sono farina del mio sacco ma di quello di Sabrina.
Buona lettura. :)

Rileggendo oggi alcuni commenti da me messi mi sono resa conto che vi avevo promesso un resoconto delle mie scempiaggini in tesi. Bhe ecco il riassunto.

Prima una doverosa spiegazione: io sono un perito elettrico e come tesi delle superiori ho portato un progetto dell'impianto di un supermercato realizzato con macchinacad e OR(caccia)cad. Essendo un progetto scolastico non erano stati dati limiti di budget e quindi tutti ci siamo lanciati in progetti piuttosto costosetti (il mio ad esempio aveva pinze amperometriche che misuravano costantemente la corrente e in caso di interruzione attivavano due turbine a gas poste nel seminterrato)

Episodio 1
nota: il mio professore si chiama come un noto mago (quello di Re' Artu').

Io: hem professore c'è qualcosa che non va mi sono spariti almeno meta dei dati sul dimensionamento cavi.
Lui: a si, e' chi è passato il mago?
Io: (mi volto a guardarlo senza parlare).
Lui: (fissandomi) Sabrina non faccia la spiritosa.
Io: ha detto tutto lei.

Episodio 2
Come ho detto, non avevamo limiti di costo quindi per il parcheggio esterno ho preso il catalogo dell'azienda e ho preso le lampade piu' costose mettendone 12 nel parcheggio. Per il dimensionamento dei cavi avevamo un bel programma in cui inserivi i carichi finali e lui a ritroso ti calcolava il dimensionamento cavi, io lancio il programmino e mi dice che l'azienda elettrica dovra fornirmi corrente con un cavo da 120 mm di diametro e qui chiamo in soccorso ancora il mio professore.

Io: proff qui mi dice che devo usare un 120 mm di diametro perche'?
Lui: figurati avrai sbagliato la configurazione del programma (scartabella un po' poi si arrende all'evidenza il programma va bene) ci deve essere altro (e inizia a guardare il progetto fino a quando non spalanca gli occhi e si mette a ridere). Sabrina io capisco che vuoi fare pubblicita' al tuo supermercato ma 32 MWdi luci esterne mi sembrano elevati ti si vede dalla luna.
Io: come?
Lui: tu hai messo 12 lampade esterne ma ognuna di quelle lampade e' composta da 10 fari alogeni che si usano per illuminare gli stadi.
Io: tantini eh?
Lui: no, pero' la prima volta che li accendi spegni la citta' vicina e credo che sviluppino abbastanza calore da squagliare l'asfalto.
Io: abbronzatura gratis alla nott.

Episodio 3
Questo non c'entra nulla nella tesi ma e' successo in laboratorio il giorno del diploma.
Bisognava progettare e realizzare un impianto, con il programmatore di logica cablata, che comandasse un nastro trasportatore con dei finecorsa, nulla di complicato viene progettato e realizzato a questo punto il tecnico ha la brillante idea di attaccare realmente il motore ad uno degli impianti... il mio...

Tecnico:bene allora proviamo con il motore.
Io: ma il voto lo prendo prima vero?
Proff: si si il tuo programma funziona.
Io: ok vediamo (ero curiosa anche io in 5 anni non avevamo mai usato un motore).
Tecnico: (fa tutti i collegamenti e attacca un motore da 30 KW ai miei poveri teleruttini - non e' una parolaccia - con i fili poco piu grandi dei fili telefonici) ecco ora vediamo...

Qui dovete immaginare lui che preme il tasto di avvio e io che faccio come nei film dell'orrore.

Io: nuuuuuooooooooooo.

L'impianto fa il suo dovere e manda al motore 380 volt per l'avviamento a stella che si traducono in 660 Volt. A questo punto il motore fa appena finta di muoversi emettendo un suono tipo "uuuuooooobb" i cavi diventano incandescenti e l'isolante passa direttamente allo stato gassoso. Dopo 2 secondi il professore realizza cio' che sta succedendo e preme il simpatico fungo staccando di netto la corrente dal banco.

Tecnico: il circuito non va.
Proff: no il circuito e' entrato in sicurezza e tu sei un idiota.
Io: (ero ancora cosi' O_O ripetendo) no non e' vero non l'ha fatto non l'ha fatto l'ho solo immaginato.

Mi sa che questo racconto e' un po' fuori tema ma credo che anche qui ci siano stati degli utonti (io). ^_^

7 commenti:

  1. Non ho ben capito l'ultimo raccontino, solo che il tecnico ha fatto una figura di merda colossale.

    RispondiElimina
  2. 30 kW (nominali) su dei fili tipo telefono? Mi sa che i tuoi teleruttori si sono trasformati in fusibili... Dovevi provare a metterli a monte dell'impianto di illuminazione da 32 MW! :)

    RispondiElimina
  3. Ai 32 MW sono realmente scoppiato a ridere!
    Non sono comunque tanti per 12 lampade?
    Serve una piccola centrale solo per loro, altrimenti.

    Per l'esame, c'è poco da dire.
    Se gli dava fuoco direttamente faceva prima.

    RispondiElimina
  4. Per il terzo episodio provate a pensare così:
    fate passare in una cannuccia (i nostri cari fili simil-telefonici) un qualcosa come 100 litri di acqua al secondo...ovviamente la cannuccia ha solo il tempo di dire occaz...e poi si squarta xD

    Il nostro ex (fino a 3 mesi fa neanche tanto ex) professore di sistemi ci faceva paragonare la corrente all'acqua..

    P.S.sono un perito meccanico ;-)

    RispondiElimina
  5. anche io perito elettrico.

    per le lampade: 32 MW sono un po' molti... seriamente... quì dove abito abbiamo una centrale che a pieno regime produce 80MW e bastano per tutta la città e il circondario (calcola 100.000 persone) spero seriamente che siano stati 32 Kw...

    storia 3: capita spesso che i "wannabe" tecnici di laboratorio non capiscano una cippa di quello che devono fare... una persona sana di mente non collegherebbe un motore trifase da 30 kw a cavi di sezioni ridicole...

    buona fortuna per il futuro

    RispondiElimina
  6. "L'impianto fa il suo dovere e manda al motore 380 volt per l'avviamento a stella che si traducono in 660 Volt"
    Non sono perito elettrico, elettronico o altro, quindi posso sbagliarmi. Ma sei sicura che fossero 660 volt ?

    "credo che anche qui ci siano stati degli utonti (io)."
    Siamo tutti luser di qualcun altro. O, più egoisticamente, siamo sempre LARTer di qualcun altro.
    La sfida di ogni giorno è riuscire ad essere più i secondi che i primi.

    RispondiElimina
  7. Non trovo il link, ma credo fosse una puntata di Natale di quella sit-com con Tim Allen 'Home Improvement' in cui è il conduttore di una trasmissione sul fai-da-te e parla col vicino da cui spunta sempre e solo il cappello dalla recinzione.

    Ecco, puntata di Natale: si montano le lucine fuori e tutti i vicini aggiungono più lucine.

    Finché alla fine dell'episodio, il protagonista fa uscire tutta la famiglia in giardino, gli da quegli occhialoni coi vetri neri tipo esperimento di esplosione nucleare, abbassa l'interruttore, e tutto diventa bianco accecante.
    Poi vedi l'immagine del mondo dallo spazio, senti un wuopwuopwuooop e tutte le luci sul pianeta che si spengono - e la voce del protagonista 'Oh, no!'

    RispondiElimina