lunedì 10 settembre 2012

Mi mandi la password?

A volte mi domando sul serio se le persone non hanno DAVVERO lasciato il cervello a casa ma ogni volta mi rispondo semplicemente pensando con chi ho a che fare. In questi ultimi giorni mi e' capitato un utOnto Tecnico e non ho capito se aveva il cervello sotto naftalina o se mi prendava in giro.
Facciamo un salto indietro e andiamo al 9 dicembre 2011. Durante la mattinata mi arriva una mail che riporto.

************************
From: utOnto Tecnico
To: Supporto
Subject: Richiesta di password
Body: Potete farmi avere la password della casella di posta di [utOnto]?
************************

Avrei qualcosa da dire sul fatto che questo utOnto si firma "tecnico informatico" dell'azienda ma non sa tirare fuori una password da MDaemon (per chi non lo sapesse, basta esportare gli account per ottenere un file di testo con le password. Fine) ma lasciamo stare. Visto che sono tenuto a fornire questo tipo di informazioni, procedo a inviare una mail al soggetto.

************************
From: [io]
To: utOnto Tecnico
Subject: Re: Richiesta di password
Body: Ciao, la password della casella di posta di [utOnto] e' [password]. Buona giornata.
************************

Il tempo passa e arriviamo al 21 dicembre quando ricevo un'altra mail dal soggetto.

************************
From: utOnto Tecnico
To: Supporto
Subject: Richiesta di password
Body: Potete farmi avere la password della casella di posta di [utOnto]?
************************

Visto che sono passate quasi due settimane immagino che uT si sia dimenticato della prima mail o che, piu' semplicemente, non abbia neanche pensato di cercare se aveva inviato una mail simile. Avendo gia' la password non mi costa niente rimandarla e procedo all'invio.

************************
From: [io]
To: utOnto Tecnico
Subject: Re: Richiesta di password
Body: Ciao, te l'avevo gia' mandata in data 9 dicembre dietro tua richiesta. In ogni caso la password della casella di posta di [utOnto] e' [password]. Buona giornata.
************************

Qualche minuto dopo ricevo una mail da parte di utOnto Tecnico in cui mi dice "Ok, grazie" per cui presumo che abbia letto quello che ho scritto.
Seeeeeeeeeeeeeee.
Guarda Bitmover, degli elefanti rosa che volano!
Il giorno dopo, verso mezzogiorno dopo essere rientrato da alcuni giri di lavoro presso clienti, mi arriva un'ulteriore mail da uT.

************************
From: utOnto Tecnico
To: Supporto
Subject: Richiesta di password
Body: Potete farmi avere la password della casella di posta di [utOnto]?
************************

Ora, le cose sono due: o utOnto Tecnico e' ubriaco oppure mi sta prendendo in giro. Oppure entrambe le cose, a voler essere onesti.
Ho scritto una prima mail ma, prima di inviarla l'ho riletta e cancellata (diciamo che ero stato un po' troppo esplicito nel dare dell'idiota al soggetto in questione). Ho scritto una seconda mail e l'ho cancellata per lo stesso motivo. La terza mail e' venuta meglio quindi l'ho inviata e sono andato nell'ufficio del Boss spiegando la situazione.

Io: ... quindi e' la terza volta che gli mando la stessa password. Non so se mi sta prendendo in giro o semplicemente non legge quello che scrivo.
Boss: Hai mai segnato del tempo per questa storia?
Io: No, sempre zero. Non spreco molto tempo per scrivere una mail.
Boss: Fai una bella cosa. Manda la password ancora a tempo zero poi apri un caso generico sul "controllo della posta elettronica sul server" e segna mezz'ora. Vedrai che si svegliano la prossima volta.

Il Boss e' sempre il Boss. :)

6 commenti:

  1. Perché mezz'ora?
    Se hai bestemmiato mezz'ora tra mail scritte e cancellate, recupero delle mail precedenti e discussione col capo allora devi segnare due ore.
    La volta dopo, una giornata.

    Se non la capiscono beh, jackpot!

    RispondiElimina
  2. Ho avuto lo stesso identico problema con SL (il mio SurferLuser), il quale mi chiedeva la password per... non mi ricordo, forse il backend di un CMS. io gliela mandavo, poi una settimana dopo mi rimanda la stessa richiesta.

    Parlando col mio capo ho scoperto la causa di tale comportamento: SL NON TIENE LE EMAIL RICEVUTE! Le legge e poi le cancella perché "Sono troppe" (Ok, non sue parole esatte, ma il senso è quello...). Quindi, io gli mando la mail con la password, lui la legge, non si serve subito, ma poi che fa? La cancella, quindi quando gli serve, deve rimandarmi l'email di richiesta!

    Se state pensando che è un idiota, non siete i soli...

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Cercare una mail significa fatica. Chiedere di nuovo la password significa far fare la fatica a qualcun altro.
    Ciò detto, fargli uno shampoo con le bombe a mano potrebbe essere un'idea.

    RispondiElimina
  5. Poi si ricevono mail del genere: https://lh5.googleusercontent.com/-opAi5TbgPNU/UFHNpq3CKII/AAAAAAAAAPo/EcAzXSmw2KA/s629/onlain.JPG

    Quasi quasi mi pento di non lavorare più nel mistico settore dell'informatica.

    RispondiElimina
  6. @Valeren: Meglio mezz'ora che niente. :)

    @Daniele C.: Come ha detto lukasbrunner, e' molto piu' facile chiedere ventimila volte che fare qualcosa. :)

    @lukasbrunner: Lo "shampoo con le bombe a mano" non l'avevo mai sentito. :D

    @TheRipper: Quella rientra nella categoria "Ai spik inglisc" come un paio di miei utOnti che scrivono passworLd e compIuter. E si che siamo nel 2012, non nel 1980.

    RispondiElimina